Tag Archive | "Fermare il declino"

raccolta-firme

Anche le riforme istituzionali servono a crescere. Appello a FARE perchè sostenga il presidenzialismo

– Il nostro Paese è malato, malato grave. La malattia non è preoccupante solo per il livello di pressione fiscale record (oltre il 50 per cento del PIL prodotto), per l’enorme debito pubblico accumulato (34.000€ di debito pro capite) e per la quantità abnorme di spesa pubblica (circa 800 miliardi di euro di cui solo […]

Read the full story

Posted in Diritto e giustizia, Economia e mercato, Partiti e StatoComments (2)

Oscar_Giannino

Ri-FARE, senza settarismi e senza “preservativi mentali”

– Era il 9 febbraio quando Fare per Fermare il Declino riuscì a portare all’”Antimeeting” di Milano circa 4000 persone, mentre altre 30.000 erano collegate in streaming via internet. Sono passate appena tre settimane, ma sembra passata un’era geologica. A quattro giorni dalle elezioni, il leader di Fare Oscar Giannino era costretto a dimettersi, per […]

Read the full story

Posted in Partiti e StatoComments (9)

Monti_lista_scelta

I liberali del bar Mocambo

– Le vicende del liberalismo italiano accadute nell’ultimo anno ricordano “La ricostruzione del Mocambo” di Paolo Conte. La sua trama riporta alla mente la storia di tanti piccoli bar in difficoltà chiamati Mocambo, che, a pensarci bene, è anche la storia di questo Paese con un piede e mezzo nel baratro. Nel brano si parla […]

Read the full story

Posted in Capitale umano, Partiti e StatoComments (10)

Oscar_Giannino

Fare per fermare il declino: il coraggio della responsabilità

– Dalla tempesta che negli ultimi tre giorni si è abbattuta sul più noto esponente di Fare, Oscar Giannino, si possono imparare molte lezioni. La prima è che i partiti non sono fatti solo di idee, ma di persone. E le persone a volte sorprendono negativamente, magari danneggiando una credibilità professionale incontestabile, frutto di anni […]

Read the full story

Posted in Partiti e StatoComments (19)

Boccioni_cittachesale_futurismo

Se niente cambia, dobbiamo cambiare tutto

di PIERCAMILLO FALASCA e MARIANNA MASCIOLETTI – Toc toc. Buongiorno. Salve. Siamo… no, signora, non vendiamo aspirapolvere. No, niente opuscoli religiosi e versetti biblici, non tema, se non marginalmente. Manzoni, sì, ma mai dopo le sette di sera. Sì, forse scocciamo un po’, ma non siamo i soliti scocciatori. Siamo la “maggioranza silenziosa” che non […]

Read the full story

Posted in Archivio Evidenza, Capitale umano, Notizie LiberaliComments (6)

comizio Qualunquemente

Un partito di outsider, senza campioni del territorio (e delle clientele)

– Il tanto auspicato ed auspicabile “Partito che non c’è”, al momento non c’è ancora, purtroppo. E con estrema difficoltà i suoi fautori si impegnano con iniziative ed interventi per creare le condizioni migliori alla sua nascita. E’ evidente che, in questa fase politica così fluida ed in perpetuo movimento, ciascuno stia giocando una partita […]

Read the full story

Posted in Partiti e StatoComments (2)

elezioni

Perché il ‘polo riformatore’ deve fare le primarie

– In un sistema politico come quello italiano che da sempre tende a favorire gli incumbent, Matteo Renzi non può certo essere considerato il favorito nelle primarie del Partito Democratico, ma da quello che stiamo vedendo le sue chance stanno crescendo di giorno in giorno. Va riconosciuto al PD di aver costituito un’infrastruttura di regole […]

Read the full story

Posted in Partiti e StatoCommenti disabilitati su Perché il ‘polo riformatore’ deve fare le primarie

ventura

Il racconto del capo

– Considerazione a caldo n.1. Se il Pd, pur vincendo saltuariamente le elezioni, manca di ‘marcare la storia’ – o, detto più prosaicamente, di fare la differenza – il motivo c’è, è profondo, ed è drammaticamente consustanziale: più che un partito, è una meta-narrazione. Considerazione a caldo n.2. Berlusconi sarebbe stato leader anche senza le sue televisioni, facciamocene […]

Read the full story

Posted in Partiti e StatoComments (1)

LEGO 1

Il partito delle riforme? Montiano, unitario e “rivoluzionario”

di BENEDETTO DELLA VEDOVA – C’è una parentela non solo politica, ma morale, tra un quindicennio di mancata crescita e un (quasi) ventennio di mancate riforme. Buttare con l’acqua sporca della Seconda Repubblica il bambino (mai nato) della “rivoluzione liberale” è un’operazione che potrebbe persuadere una parte dell’elettorato, ma non potrebbe mai convincerne la maggioranza. […]

Read the full story

Posted in Archivio Evidenza, Economia e mercato, Notizie Liberali, Partiti e StatoComments (11)

rugby

Liberali, unirsi per contare e governare il Paese

– Nell’autunno del 1847 il giovane studente Goffredo Mameli scriveva i versi del Canto degli italiani, ribattezzato un secolo dopo “Inno Nazionale della Repubblica Italiana”, così descrivendo la condizione politica delle terre sottomesse per le quali, poco tempo dopo, avrebbe perso la vita: “Noi siamo da secoli calpesti, derisi, perché non siam popol, perché siamo divisi”. […]

Read the full story

Posted in Capitale umanoComments (24)