Tag

Azzollini

I talk show sono in crisi e la politica non si sente tanto bene

–I talk show politici sono in crisi e, che si convenga sull’affermazione ovvero la si reputi infondata, appare a tutti comunque evidente che qualcosa è cambiato, in meglio o in peggio a seconda dei punti di vista. Tali programmi costituiscono,… Continua a leggere →

Decadenze. Un Cav. sempre uguale a se stesso, in un Paese sempre uguale a lui

– “Decadenza” è il concetto giuridico intorno a cui pare ruotare la politica del Paese da diverse settimane. Ma decadenza è anche l’oggetto di una sensazione, che emerge già dopo pochi minuti di quel video-messaggio e che riguarda Berlusconi. Un… Continua a leggere →

L’Imu è una sineddoche. Fenomenologia della crisi di un paese immobile

– Nelle ormai trascorse notti vacanziere, l’Imu ha agitato i sonni di molti italiani. Non avrebbe potuto essere diversamente, tanto era il timore che era stato loro incusso, paventando il ritorno ovvero il rischio derivante dall’abolizione dell’oltremodo nota imposta, “congelata”… Continua a leggere →

Piras sapeva quel che diceva, ma l’ansia di protagonismo lo ha vinto

– Nella vicenda relativa alle esternazioni di Gianluigi Piras, il consigliere comunale sardo del PD che aveva augurato uno stupro all’atleta russa Isinbayeva, anziché dall’inizio, com’è buona norma fare, meglio cominciare dalla fine, perché forse lì si trova la chiave… Continua a leggere →

“Hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”. La paralisi politica perfetta. Riflessioni sull’immortalità del Cav.

– “Hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo”. Nell’estate del 2013 De Gregori, che non è mai tramontato, quindi non si può dire torni in auge, va di moda. Perché se al nome Pablo si sostituisce quello Berlusconi, il gioco è… Continua a leggere →

Le infinite sfumature del grigio, politico, italico niente

– Sarebbe stato quasi piacevole che in quest’estate, sotto molti profili dal clima soffocante, per commentare l’attualità ci si fosse trovati a scegliere, nella libreria, tra i Sei personaggi in cerca d’autore o Il Gioco delle Parti. Sarebbero stati titoli,… Continua a leggere →

Le larghe intese e le comuni convenienze. Non è un accordo di governo, ma un patto di sopravvivenza

– Le cosiddette larghe intese sono come certi matrimoni: incastri nevrotici ben combinati, dipendenze reciproche per bisogni diversi, ancorché condivisi. Perché le intese, pur essendo larghe, non sono buone per definizione, né necessariamente indice di affinità originarie o ritrovate o… Continua a leggere →

Più libertà di stampa uguale meno libertà d’impresa? Sbagliato, Della Valle

– La libertà di stampa e, quindi, di opinione, evidentemente vale un pubblico appello al Presidente della Repubblica affinché la salvaguardi. Ma strana concezione ha di tale libertà chi reputa che essa vada tutelata limitando quella d’impresa, in particolare, quella… Continua a leggere →

Al di sopra di ogni sospetto? La pretesa insensata dell’ex ministro Idem

– Anche i ministri, nel complesso labirinto di tasse e imposte, sbagliano come i comuni mortali. E, come questi ultimi, quando sbagliano, accampano ogni scusa, dalla più fantasiosa alla più motivata, per dimostrare di essere in buona fede. Ma se… Continua a leggere →

Nasce ‘Italia Aperta’, un think tank per verificare quanto e cosa fa la politica

– La prima impressione, all’incontro di presentazione di Italia Aperta, è che finalmente ci sia qualcuno che si chieda a che punto siamo, ineludibile passaggio per essere consapevolmente in grado di decidere dove possiamo andare: con concretezza e semplicità, per… Continua a leggere →

I professionisti della riprovazione

– Dolores Valandro e Cecile Kyenge, l’una leghista padovana, l’altra ministro per l’integrazione. L’episodio è di qualche giorno fa, la sua valenza sta nei fatti. Che la libertà di opinione venga declinata da quelli che eufemisticamente possono qualificarsi come poveri… Continua a leggere →

© 2009-2013 Libertiamo — Testata registrata presso il Tribunale di Roma. Direttore: Carmelo Palma.

Sito realizzato da Daniele CeschiTorna su ↑