Autore

Francesco Linguiti

Berlusconi, l’uomo che volle imitare il mito di Osiride – e di cui condividerà solo la fine

– Non può morire, non deve morire, se muore siamo finiti. Probabilmente è immortale, chi lo mette in dubbio sbaglia, chi cerca di metterlo nella fossa è un eretico, che fa l’amore col diavolo, e che come le streghe d’un… Continua a leggere →

“Se trovo il coraggio” di Dario Buzzolan. La morte dei titani e la fine di un’era.

– “Se trovo il coraggio”. È il titolo di un libro. Un romanzo che racconta il passaggio di una soglia, individuale e collettiva. “Se trovo il coraggio” è un sentiero morale. Acre, tosto, ma che attraverso l’esperienza della morte alla… Continua a leggere →

L’Uomo in più. I poteri taumaturgici del leader e la poetica della “romanella”

– Berlusconi… solo lui può salvarci, Grillo… solo lui può salvarci. Pezzi di Paese che hanno ha il loro uomo della provvidenza. Ognuno ha la sua bandiera. Berlusconi, Grillo e tutti le altre icone salvifiche quali loro e come loro… Continua a leggere →

Una sentenza esemplare per Stefano Cucchi. In senso negativo, ovviamente.

– È una sentenza esemplare, e infatti Carlo Giovanardi ha affermato: “Il tempo è galantuomo e ha fatto giustizia di pregiudiziali ideologiche, enfatizzate dai media, che attribuivano responsabilità agli agenti di custodia per un pestaggio mai avvenuto”. I giudici della… Continua a leggere →

Franca Rame, una di due. Il teatro politico come festa di vita

– Quando andavo alle elementari in tv davano gli spettacolo teatrali con Dario Fo e Franca Rame. All’epoca ne sapevo poco di questi due, forse non li capivo nemmeno, ma stavo lì a cercare di capirli, ridevo come un matto,… Continua a leggere →

La guerra infinita: perché l’Italia non riesce a raccontare sé stessa

– Per analizzare una cultura bisogna analizzare le sue narrazioni. Certo, conoscere i consumi, l’economia, le percentuali politiche, è fondamentale per capire l’hic et nunc di una società, ma capire le logiche delle sue narrazioni ci permette di giungere al… Continua a leggere →

Astenersi sui diritti civili si può, ma almeno ci si risparmi la retorica sulla casta

– Dire sì o dire o no. Quando qualcuno propone qualcosa la politica si sintetizza in questo atto. Sì o no. Ma essere favorevoli o contrari non è un punto di partenza (quando la politica si riduce a questa equazione… Continua a leggere →

Anche nella “democrazia 2.0”, l’opinione pubblica deve essere informata e non tifosa

– La crisi economica ci porta ad una riflessione. La questione è la comprensione della realtà contemporanea, la globalizzazione e la sua gestione. Dahrendorf afferma che una cosa era la democrazia ai tempi degli stati nazione, un’altra è adesso con… Continua a leggere →

Censurare, pardon, regolamentare il web

– Se dico che ti odio e che, quindi, ti sparerò – certo, è una minaccia, che va perseguita e repressa. Ma se invece dico che ti odio e che ti meriteresti di esser ucciso? Questa è una minaccia, no,… Continua a leggere →

Dialettica del pregiudizio. L’ignoranza al potere

– Le distanze genetiche fanno parte della cultura umana, passino. Tutto il resto è intollerabile. Siamo negli anni del pregiudizio. Il pregiudizio, lo si confonde con la saggezza. Chi attacca in nome del proprio pregiudizio ha ragione, dicono, perché il… Continua a leggere →

Ma alla fine, questo “rapporto con la base” che cos’è?

– Parla a nome suo, certo, ma poi a nome di chi parla? Sono venute meno le triangolazioni: leader, partito, base… tutto questo non c’è più. Tempi duri per la politica. Il leader politico oggi è un segno senza referente,… Continua a leggere →

© 2009-2013 Libertiamo — Testata registrata presso il Tribunale di Roma. Direttore: Carmelo Palma.

Sito realizzato da Daniele CeschiTorna su ↑