Categorized | Capitale umano

Ma sul “femminicidio” si sta costruendo una campagna misandrica

Ad ogni crimine violento compiuto da un immigrato c’è sempre chi prova a giocare la carta etnica, la carta della paura e della colpevolizzazione del diverso. È successo anche in questi giorni, dopo lo stupro a Vicenza di una ragazza ad opera di un ghanese e dopo la follia omicidia di un altro ghanese a Milano.

La politica mainstream e soprattutto quella progressista e di sinistra prendono sistematicamente le distanze da tali posizioni e chiedono che i delitti si puniscano in quanto tali, ma si evitino campagne allarmistiche e generalizzazioni razziste. Peccato, che negli stessi giorni in cui, da sinistra, si chiede – giustamente – di approcciare le problematiche della sicurezza in un’ottica rigorosamente “race blind”, al tempo stesso si lanci una campagna sul “femminicidio”, che “blind” non lo è per niente, ma che anzi è fortemente sessuata e generalizzante.

Si sostiene che la violenza non ha razza ed al tempo stesso si afferma che la violenza ha un sesso. Così se è sbagliato sottolineare che è un immigrato ad avere ucciso un italiano, è cosa buona e giusta rimarcare che è un uomo che ha ucciso una donna. Nell’overdose mediatica di questi giorni sul “femminicidio”, sono davvero pochi i giornalisti che hanno osato mettere in discussione la vulgata e le sue basi filosofiche e morali. Tra questi Vittorio Feltri sul Giornale e Marcello Adriano Mazzola e Fabrizio Tonello sui blog del Fatto Quotidiano. Onore al merito.

Ma c’è davvero questa “emergenza femminicidio” in Italia? Andiamo con ordine e cominciamo ad esaminare qualche dato. Per prima cosa, partiamo dalle statistiche delle Nazioni Unite e notiamo che l’Italia è uno dei paesi più sicuri al mondo per le donne. Lo è in termini assoluti, dato che tra le donne si registrano 0,5 vittime all’anno ogni 100.000 abitanti; e lo è in termini relativi rispetto agli uomini, dato che solo il 23,9% delle vittime di omicidio è di sesso femminile. Per fare un raffronto, le donne rappresentano il 49,6% delle vittime in Germania, il 49,1% delle vittime in Svizzera, il 34,3% in Francia ed il 33,9% nel Regno Unito.

È interessante notare come in generale sia infondata la correlazione tra uccisione di donne e cultura patriarcale. Anzi in paesi normalmente considerati più femministi, la percentuale di vittime di sesso femminile è alta (41,4% in Norvegia); al contrario è più contenuta in paesi più tradizionalisti (il 18,1% in Irlanda ed appena il 5% in Grecia). La sensazione – stando ai dati ONU – è che le donne siano relativamente più al sicuro in paesi dove vige una divisione dei ruoli tradizionale, mentre il rischio per le donne aumenti, tendendo a livelli “maschili”, nella misura in cui la loro esposizione sociale cresce, avvicinandosi a quella degli uomini.

I “teorici” del “femminicidio”, tuttavia, non prendono in considerazione il “rischio” per le donne in termini complessivi, ma si concentrano su un ambito specifico – quello dei moventi relazionali/passionali. In questo ambito è vero che in Italia, come in altri paesi, si registra una prevalenza numerica abbastanza significativa di vittime femminili. Tuttavia, non esiste alcuna evidenza che il fenomeno del delitto passionale sia in crescita; anzi secondo i dati è persino un fenomeno tendenzialmente in diminuzione.

Peraltro la violenza con motivazioni passionali non è necessariamente compiuta da un uomo su una donna. Si registrano ogni anno vari casi di uomini uccisi dalla moglie o dalla compagna. Negli ultimi mesi è capitato anche di uomini sfregiati con l’acido (qui e qui) da donne gelose o respinte. Cosa c’è di “diverso” o di “meno grave” in questi episodi, rispetto agli scenari in cui è la donna ad essere vittima? Se la risposta è “niente”, allora vuol dire che siamo d’accordo sul perché sono radicalmente sbagliate campagne politiche che creino, per lo stesso reato, vittime di serie A e vittime di serie B.

Le campagne contro il femminicidio, peraltro, partono da un presupposto di eteronormatività, quando invece comportamenti violenti si possono riscontrare anche in coppie gay e lesbiche. E allora, se una donna è uccisa da un’altra in una relazione omosessuale, ciò si qualifica come un “femminicidio”? Oppure l’uccisione di una persona di sesso femminile è meno grave se anche la mano che uccide è quella di una donna?

Stando ad analisi criminologiche, limitandosi a considerare i soli delitti motivati da ragioni relazionali-passionali – ed espungendo quindi uccisioni riferibili ad altre cause (ragioni economico-patrimoniali, eutanasia, etc.) – nel 2012 le donne morte per mano di un uomo sarebbero 53 in più degli uomini morti per mano di una donna. Ognuno di questi casi, indipendentemente dal sesso della vittima, ci impone rispetto e riflessione; eppure si tratta di numeri che non suggeriscono affatto le dimensioni di un’emergenza sociale.

Certo, laddove sussista una precisa volontà, non è difficile utilizzare sapientemente qualsiasi numero per costruire la percezione dell’emergenza e peggio ancora per consegnare all’opinione pubblica un nemico. Tuttavia, una politica civile e responsabile avrebbe il dovere di ricondurre i fenomeni criminali alle loro effettive proporzioni, senza assecondare o tanto meno incoraggiare isterie securitarie o colpevolizzazioni collettive. Ce lo immaginiamo, del resto, se tutti i giorni il TG1 dedicasse cinque minuti della sua programmazione ad una campagna contro “l’italianicidio”, presentando ogni sera un nuovo caso di cittadino italiano ucciso da un immigrato? Sarebbe contenta forse la Lega, ma cosa ne penserebbero invece le tante anime belle che sono in prima linea per denunciare l’emergenza “femminicidio”?

Se davvero si vuole combattere la violenza, si deve essere solidali con tutte le vittime, uomini e donne, e comprendere che la violenza non è un problema di genere, ma è un problema umano. Se si dà un’aggettivazione di genere alla violenza è perché quello che maggiormente interessa è spendere certi fatti in chiave politica per perseguire obiettivi diversi. Questi obiettivi sono fondamentalmente di due tipi.

Il primo è quello di alimentare l’infrastruttura istituzionale delle “pari opportunità”: non un femminismo spontaneo e di base, ma un femminismo invecchiato e burocratizzato che resiste nel “mercato delle idee” solo grazie ad una distribuzione continua di fondi pubblici. Alla fine tutto il “tam tam” di questi giorni si ricondurrà prosaicamente ad una sola cifra: gli 85 milioni di euro chiesti dal ddl 3390.

Il secondo – ancora più pericoloso – è quello di creare un clima culturale che rafforzi il pregiudizio contro gli uomini nelle cause di separazione e di affidamento figli, dando automaticamente più peso a qualsiasi denuncia venga dalle donne, anche quanto questa non sia sufficientemente circostanziata. Si tratta di un rischio più che concreto che potrebbe vanificare gli sforzi che in questi anni sono stati compiuti per cercare di addivenire a dei procedimenti più equi.

La campagna sul “femminicidio” è, in definitiva, una campagna sessista, che rinfocola gli stereotipi di genere – anziché combatterli – quelli dell’uomo violento e prevaricatore e della donna innocente e naturaliter buona. È dunque una campagna moralmente sbagliata e culturalmente pericolosa, che deve essere pertanto confutata se ci stanno a cuore i princìpi della neutralità della legge, del garantismo e di una vera uguaglianza di genere.


Autore: Marco Faraci

Nato a Pisa, 34 anni, ingegnere elettronico, executive master in business administration. Professionista nel campo delle telecomunicazioni. Saggista ed opinionista liberista, ha collaborato con giornali e riviste e curato libri sul pensiero politico liberale.

11 Responses to “Ma sul “femminicidio” si sta costruendo una campagna misandrica”

  1. ROBERTO scrive:

    CONDIVIDO CONTENUTI E TONO di questo articolo, bravo Marco Faraci, é bene che se ne parli e si scoprano gli altarini. Pensa quando andranno a batter cassa x i centri antiviolenza….con questi risibili numeri! E il progetto prevederá ( come sempre) accessi alle sole donne!!!

  2. Johnnyp scrive:

    Non potrei essere più d’accordo di così. Complimenti per l’articolo, davvero. Hai il mio supporto.

  3. Michele Serra scrive:

    Articolo ineccepibile.
    Il secondo obiettivo descritto (creare un clima culturale che rafforzi il pregiudizio contro gli uomini nelle cause di separazione e di affidamento figli) è reso particolarmente concreto dal dato statistico che più dell’80% delle accuse formulate dalle donne in circostanze di separazioni conflittuali risultano false e strumentali a conseguire vantaggi personali (anche a costo di distruggere la vita degli ex e la loro relazione con i figli).
    Queste false accuse prolificano in quanto anche se smascherate non vengono sanzionate in alcun modo.

  4. Sergio da Taranto scrive:

    Bravo Marco Faraci!…Ogni tanto si legge qualcosa di serio scritte con analisi equilibrate.

  5. ottimo come sempre su questi temi.

  6. alessandro rani scrive:

    Bene, straquoto Marco Faraci, finalmente in questa giungla divenuta putrida che è il web ancora qualcosa si salva.
    Ce ne fossero così.
    Alessandro Rani (raniran)

  7. raniran scrive:

    Bene, straquoto Marco Faraci, finalmente in questa giungla divenuta putrida che è il web ancora qualcosa si salva.
    Ce ne fossero così.
    Alessandro Rani (raniran)

  8. Rino DV scrive:

    Argomentato, documentato, chiarissimo. Incontrovertibile.
    Marco è bravissimo (ma qs. lo si sapeva già…)
    La QM ha dalla sua parte uomini di indiscutibile (e indiscussa) capacità. Non dilettanti.
    Purtroppo ciò non sembra giovarci molto… (visti i magrissimi esiti).
    Tuttavia il fatto resta innegabile ed è consolatorio e tonificante.

    Rino DV

  9. Venere scrive:

    Tante donne vengono uccise da uomini perche’hanno ” osato ” lasciarli o hanno ” osato ” respingerli. E’ un fatto.
    Nei cosiddetto femminicidio rientrano anche le violenze carnali o le molestie pesanti.
    Ora, la maggior parte delle violenze carnali non viene denunciata per vergogna o per paura.
    E’ un fatto.
    Alla luce di questi due semplicissimi fatti ( che non possono essere smentiti ) come si può affermare che la campagna contro il femminicidio sia sessista e strumentale?

  10. Paolo scrive:

    Le segnalo che stanno oranizzando nella sua città un evento in cui presentare dai falsi alle autorità presenti

    Il prossimo sabato, 25 maggio, alle ore 17 nella Sala Azzurra della Scuola Normale, si svolgerà la tavola rotonda “Femminicidio. Perché i mostri? Cause del fenomeno e lotta contro la violenza sulle donne”, con la giornalista RAI Carmen Lasorella. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, almeno una donna su cinque ha subito abusi fisici o sessuali da parte di un uomo nel corso della sua vita. Una situazione che, stando ad alcune recenti ricerche, sarebbe endemica nella civiltà odierna.

    A parlare della situazione in Italia, anche alla luce di recenti fatti di cronaca, saranno, oltre a Carmen Lasorella che modererà la Tavola rotonda: Luciano Garofano ex Comandante dei R.I.S. autore del libro “I labirinti del male. Femminicidio, stalking e violenza sulle donne in Italia: che cosa sono, come difendersi”; Luisa Pronzato, giornalista del Corriere della Sera e autrice del libro “Questo non è amore”; Maria Silvia Sacchi, anch’essa giornalista del Corriere della Sera e autrice del libro “Donne ai vertici delle aziende”.

    E ancora Salvatore Laganà, Presidente del Tribunale di Pisa; Federico Gelli, deputato PD; Liliana Dell’Osso, Direttrice della Clinica Psichiatrica dell’Università di Pisa; Giacomo Dacquino, Psichiatra dell’Università di Torino e Pavia; Elena Tebano, giornalista del Corriere della Sera. Alla giornata partecipano Fabio Beltram, direttore Scuola Normale Superiore; Francesco Tagliente, Prefetto; Gianfranco Bernabei, Questore; Gioacchino di Meglio, Comandante provinciale Carabinieri; Marco Filippeschi, Sindaco di Pisa, Paolo Ghezzi, vice Sindaco di Pisa.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] Ma sul “femminicidio” si sta costruendo una campagna misandrica […]