Ahi Letta

– pubblicato su Il Foglio del 7 maggio 2013 – Le non riforme, come sempre ricorda Mario Monti, sono state il vero costo della politica legato al “bipolarismo delle estreme”, che ha accompagnato l’intera Seconda Repubblica. Hanno mangiato la crescita, accresciuto la spesa e il debito, consolidato un mercato politico parassitario e particolaristico. Il governo Monti ha rotto questo equilibrio perverso, onorato gli impegni, come il pareggio di bilancio nel 2013 assunto temerariamente dal governo precedente, e aggredito dossier, come quello previdenziale, che giacevano inevasi da quasi un ventennio. Mentre l’ombra del default si allontanava e i costi del salvataggio si presentavano inevitabilmente nel bilancio delle famiglie e delle imprese, Monti e il suo esecutivo hanno iniziato a pagare il prezzo dell’impopolarità e i partiti che lo sostenevano hanno optato, chi più chi meno, per una ritirata elettoralistica anziché rivendicare una assunzione di responsabilità per il futuro.

Il rischio da cui si deve guardare Letta è che il tempo della pacificazione produca un effetto paradossalmente simile a quello dello scontro: l’accantonamento o il rinvio delle riforme radicali (e quindi politicamente non indolori) di cui l’Italia ha bisogno. La grande coalizione serve al meglio il paese se fa le cose ragionevoli e difficili, che le spalle di una sola parte non sono solide a sufficienza per sopportare. Non se media tra gli interessi propagandistici degli uni e quelli degli altri, in una riedizione riveduta e corretta della vecchia “democrazia consociativa”.

Dobbiamo essere molto grati a Napolitano per avere di fatto imposto a un Parlamento riluttante la sola formula di governo di cui esistevano i numeri e le ragioni. Enrico Letta e la fisionomia del governo dimostrano che il rinnovamento può (deve) avvenire per linee interne alla politica e non coincide con la rottamazione dei partiti e delle istituzioni, né con la resa alla demagogia “post-democratica” del M5S. Mi pare che il Presidente del Consiglio – e anche questo gli va ascritto a merito al pari di un linguaggio asciutto e diretto e a una visione d’insieme dell’Italia del futuro – sia il primo a frenare gli entusiasmi e a mostrare la piena consapevolezza della fragilità della situazione italiana.

Il deterioramento della condizione economica attuale è l’effetto dei ritardi e delle negligenze con cui la politica negli ultimi decenni ha affrontato alcuni dei nodi strutturali della scarsa competitività del Paese. Il nuovo esecutivo, ora che l’Italia ha ritrovato negli scorsi diciotto mesi voce in capitolo, ha il dovere di impedire che in sede Ue la politica del rigore rappresenti un ostacolo e non un incentivo efficiente alle politiche di risanamento. Nessuna persona onesta può però sostenere che il principale (o addirittura il solo) problema economico dell’Italia sia costituito dalla trappola dell’austerità imposta dalla Germania. L’Italia ha smesso di crescere da oltre un decennio e la crisi del debito – certo favorita anche dai “difetti di fabbrica” dell’eurozona – è stato una degli specchi più eloquenti del nostro declino economico.

Ma proprio i temi che oggi più agitano il dibattito politico – l’IMU e il cosiddetto reddito di cittadinanza – dimostrano che la classe politica continua a temere più l’impopolarità che l’impotenza. Si parte da quello che serve (o si creda che serva) per recuperare consensi, non da quello che occorre per una crescita duratura. Ma le cose sbagliate non diventano giuste perché, magari in assenza di puntuale informazione sul rapporto costi benefici, sono popolari. Così si potrà forse chiudere la parentesi virtuosa ma scomoda del governo Monti, ma per fare passi indietro e non avanti.

Letta e i suoi ministri avranno modo di dimostrare che vogliono e possono scongiurare questo rischio. Il compito di Scelta Civica è stato fino ad oggi di lavorare per arrivare a questa compagine di governo. Da ora in poi dovrà essere quello di insistere, senza temere confronti anche robusti all’interno della maggioranza, perché nell’interesse dell’Italia continui una stagione di riforme ambiziose. Su questo punto, su questo ruolo, su questa specifica differenza il partito montiano deve cercare e costruire consenso. È ancora un tempo in cui se non si vuole diventare antipopolari, si deve nell’immediato correre il rischio dell’impopolarità e parlare alla testa ed al cuore del paese.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

7 Responses to “Ahi Letta”

  1. elenasofia scrive:

    Monti ha assolto i suoi impegni con l’Europa strangolando l’economia italiana: che senso ha condurre alla rovina una nazione per farsi dare la sufficienza dalla Merkel?
    Le imprese che hanno chiuso e quelle che si sono trasferite all’estero non riapriranno di certo, conseguentamente qui si è creata la catena perversa della disoccupazione, del calo dei consumi e quindi del gettito fiscale, su cui l’ex premier aveva basato tutta la sua manovra. (Ci sarebbe poi da rammaricarsi per la perdita di conoscenze e abilità, ma questo è un altro discorso).
    Monti, se avesse avuto il coraggio (che uno non può darsi se non ce l’ha, ma allora sarebbe meglio non assumere incarichi al di sopra delle proprie possibilità), avrebbe dovuto tagliare le spese della mastodontica classe politico-burocratica che sperpera incoscientemente le risorse della nazione.

  2. lorenzo scrive:

    Bisognerebbe partire da questa bellissima frase: “Si parte da quello che serve (o si creda che serva) per recuperare consensi, non da quello che occorre per una crescita duratura. Ma le cose sbagliate non diventano giuste perché, magari in assenza di puntuale informazione sul rapporto costi benefici, sono popolari. Così si potrà forse chiudere la parentesi virtuosa ma scomoda del governo Monti, ma per fare passi indietro e non avanti”
    Purtroppo non vedo all’orizzonte chi possa farlo. Non certo questo governo! Il paese scivolerà lentamente verso il baratro e solo a quel punto un commissario liquidatore ne constaterà il fallimento. Argentina docet! Agli italiani questo non l’ha detto nessuno e purtroppo quando se ne renderanno conto sarà troppo tardi. E non certo per fare la cassandra!

  3. Silvana Bononcini scrive:

    @ elenasofia: eh certo, fatto il lavoro che nessuno voleva fare si scopre che Monti è stato lo strangolatore dell’italia…
    Non penso che a Monti sia mancato il coraggio di fare proposte riformatrici, ma se uno ha memoria… che è successo nella compagine parlamentare che sosteneva il governo quando s’è parlato di liberalizzazione dei taxi, di riforma della professione forense, di abolizione delle province etc… e scardinare le resistenze dell’apparato burocratico italico forse richiedeva un poco più di tempo.
    Occorre avere invece il coraggio di un’analisi collegata con la realtà dei fatti e non col libro dei sogni!
    Ma ora va di moda il giovanilismo e la rottamazione di tutto, e la colpa è sempre degli altri….

  4. Lorenzo scrive:

    Caro Benedetto, sono assolutamento d’accordo con quanto scrivi. Purtroppo condivido anche lo scetticismo del mio omonimo poco piu’ sopra. E il mio scetticismo si estende non solo al governo ma anche a scelta civica. Finora non ho visto ” questa specifica differenza” del partito montiano.
    Spero di sbagliare, buon lavoro.

  5. Luigi Di Liberto scrive:

    Ma scusa, prima eri nella corte Pannella e tradisci con berlusconi, poi passi da fini e ora, per ora, monti. Dopo che farai?

  6. elenasofia scrive:

    Appunto, io ho memoria e mi ricordo benissimo che Monti non ebbe il coraggio di sostenere le sue proposte (anche se è misera cosa pensare di risanare l’Italia mettendo in riga i taxisti …), e, sulla riforma dell’art. 18, dopo il niet della Camusso e il richiamo di Napolitano, fece subito marcia indietro, cosicché la Fornero fu costretta a pasticciare tanto, da peggiorare la situazione.
    Io penso che uno si dovrebbe dimettere, piuttosto che rinunciare alle proprie convinzioni. Se è convinto di qualcosa, ovviamente.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] GIULIANO CAZZOLA – Ho molto apprezzato l’intervento di Benedetto Della Vedova (“Ahi Letta” su Il Foglio del  7 maggio) innanzi tutto perché l’autore, autorevole senatore di Scelta Civica […]