Imu, il falsario ha lasciato una prova

Di LUCIO SCUDIEROIl falsario ieri ha lasciato una prova documentale. Niente di nuovo, nel campionario del personaggio Silvio Berlusconi. Di promesse e propaganda confusionaria è pavimentata la sua ormai ventennale carriera a piede libero dentro le Istituzioni italiane.

Si racconta di anziani che già ieri, missiva alla mano, sciamassero verso le sedi dell’Agenzia delle Entrate a chiedere informazioni circa la restituzione dell’IMU. E si confida che abbiano trovato dall’altra parte dello sportello qualcuno che – anche valicando la missione del proprio ufficio – gli abbia spiegato la verità, e cioè che quei soldi lì non li rivedranno mai più, e che chi lo ha promesso va giudicato niente più di ciò che è: un delinquente seriale dotato di particolare destrezza nella truffa ai più deboli.

Il punto complessivo per l’Italia dei prossimi mesi e anni non è dove e come trovare la copertura per abolire l’Imu, ma come creare le condizioni di sviluppo per le quali pagare quella tassa non pesi poi tanto. E per farlo sono altre le tasse che vanno prima eliminate una volta per tutte dal nostro sistema tributario.

Insomma, gli Italiani i soldi dell’IMU non li avranno mai più indietro. Ma devono auspicarsi di poterne incassare di altri, come quelli di un reddito che ricomincia a crescere,  e decidere di conseguenza chi e cosa scegliere alle elezioni di domenica. Non che esistano ricette miracolose per risolvere anni di rimozioni e incurie collettive in un paio di mesi.

Ma esistono persone più o meno credibili e programmi più o meno seri.

Per tutti gli altri, fino a domenica, seguire le seguenti istruzioni:

«Non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un’uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità. Verificate sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi. Se non ricevete rassicurazioni non aprite per nessun motivo. Ricordate che nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113». (dal sito della Polizia di Stato)


Autore: Lucio Scudiero

Classe 1986, è laureato in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli. Quando non scrive nè edita bozze altrui studia a un master di diritto europeo, in attesa di potersi dedicare alla storia moderna, alla musica e ai classici della letteratura. E' incidentalmente caporedattore di Libertiamo.it.

4 Responses to “Imu, il falsario ha lasciato una prova”

  1. enzo51 scrive:

    “Il falsario ha lasciato una prova”.

    E…. Oscar Giannino?!!

    Lo tsunami Grillo non è più alle porte,è già entrato nelle case di milioni d’Italiani( sperando che non si rivelino Italioti quando andranno a votare!!!

  2. elenasofia scrive:

    Ma cosa state dicendo?
    Berlusconi promise di raddoppiare le pensioni minime e le raddoppiò
    Promise di togliere le tasse di successione e le tolse.
    Promise di eliminare l’ICI e la eliminò.

  3. Stefano scrive:

    Promise 1 milione di posti di lavoro e ne creò 1.400.000. Invece Monti prima ci ha tartassati e ora racconta di voler abbassare le tasse. Poi ci si chiede chi è che racconta balle…

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] contro l’Europa, l’euro e il capitalismo e da promesse sempre più roboanti e sempre meno credibili. Tutto come sempre, forse un pelo peggio, verrebbe da dire. Nonostante tutto, domani e dopodomani […]