Categorized | Partiti e Stato

Ma Fassina lo sa cos’è il Rotary?

– L’impressione è che, quando non si sa cosa dire, si dica la prima cosa che passa in mente.
Questo è quello che pare sia successo al responsabile economico del PD Stefano Fassina. Pare appunto che dovendo rispondere ad un’intervista sulla qualità della lista Monti l’abbia definita – evidentemente in modo dispregiativo – come una “lista Rotary Club”.

Sotteso a tale etichetta emerge un giudizio di valore massimalista e allo stesso tempo superficiale. Sembra l’archittettura di uno schema logico tipico di un populista che usa un linguaggio poco ortodosso e aggressivo tendente a demonizzare le élite ed esaltare “il popolo”. Ed è ironico come lo stesso Fassina accusi, in varie occasioni, di populismo tutta l’area dei moderati.

Altresì pare evidente che Fassina non sappia cosa sia il Rotary e quali attività di servizio siano coraggiosamente portate avanti dagli appartenenti a questo sodalizio, i quali, prestando la propria professionalità, si mettono al servizio degli altri, sopra i propri interessi. Personalmente ho aderito al Rotary tre anni fa, oggi sono Segretario di un Club di Milano che lavora a numerosi progetti di servizio ed ogni giorno ho l’opportunità di apprezzare le iniziative rotariane.

Fassina probabilmente non sa che il Rotary è impegnato nella raccolta di contributi e nell’organizzazione della campagna mondiale per la lotta alla Poliomielite. Recentemente abbiamo assistito alla tragica fine di cinque vaccinatori uccisi in Pakistan dai Talebani, ecco, qui di certo la “battuta da bar” di Fassina non gli rende molto onore. Ancora, si pensi al terremoto che ha colpito L’Aquila nel 2009, il Rotary ha impegnato per tre anni tecnici e professionisti rotariani che hanno prestato la loro opera gratuitamente mentre i Club italiani hanno raccolto oltre 2 milioni di euro per la ricostruzione di edifici come la Facoltà di Ingegneria.

Il Rotary è presente in tutti i Paesi democratici dove è garantita la libertà, ha una vocazione ed una proiezione di natura sociale dove la politica è tenuta fuori. Un network di milioni di volontari in tutto il mondo che dedicano tempo ed energie – gratuitamente – ad iniziative umanitarie al fine di promuovere i valori della tolleranza e della pace nel mondo, valori che dovrebbe condividere anche Fassina. Eppure la sua preoccupazione sembra essere quella del livello di reddito, ignorando completamente ciò che fanno i rotariani.

Infatti, con la sua esternazione, sembra avere la convinzione che per entrare come socio nel Rotary Club sia necessario avere un elevato reddito, facendo un parallelismo tra lista Monti e Rotary solo sulla base di luoghi comuni, da una parte come dall’altra.
Come giovane rotariano, il cui reddito – e quello di tanti Soci (giovani e non) del Rotary – è certamente inferiore a quello di Fassina, suggerisco al responsabile economico del PD di seguire il monito del suo Segretario di concentrarsi sui contenuti e di informarsi meglio prima di rilasciare dichiarazioni, specialmente in campagna elettorale.

La presenza di professionisti della società civile è il valore aggiunto del Rotary proprio per poter servire e prestare le azioni di volontariato nel mondo. Il reddito non è un requisito discriminante per poter appartenere al Rotary Club come non lo è sicuramente per la lista Monti.


Autore: Pasquale Merella

Nato ad Alghero nel 1976, laureato in Economia Politica alla Bocconi, economista e consulente, è stato ricercatore presso l'Istituto di EconPubblica. Si occupa principalmente di finanza e previdenza. Collabora con il Sole24Ore e altre testate specialistiche. Ha fondato Milano Giovani Propone, think tank dei giovani del mondo delle professioni.

8 Responses to “Ma Fassina lo sa cos’è il Rotary?”

  1. Gianmarco Longano scrive:

    Grazie Pasquale per lo scritto lucido e veritiero che rende il dovuto onore al Rotary. Aggiungerei che neanche Monti forse sa che cos’è il Rotary; si è limitato a replicare, testuali parole: “ Io non la conosco ancora la lista Monti, lui… Ho fatto diverse cose nella vita e quelle per le quali ho fatto in Europa per le quali sono ricordato sono tutte contro i potenti, gli suggerisco di aggiornare un po’ il suo pensiero un po’ troppo rotariano”. E specifica di non essere mai stato presidente del club.

    Con la citazione del pensiero di Fassina “un po’ troppo rotariano” Monti dimostra di non conoscere le attività del Rotary.

    Cordiali saluti
    Gianmarco Longano
    coordinatore commissioni comunicazione, pubblica immagine, pubbliche relazioni Distretto 2080 Rotary International

  2. Carlotta scrive:

    Sono d’accordo con l’articolo, Fassina è uscito con una frase fuori luogo e di basso populismo spicciolo. Se dovesse vincere il Pd e diventare ministro dell’economia, la vedo male per l’Italia. Il nostro paese ha bisogno di persone serie, che non parlino a sproposito e competenti.

  3. PIER CARLO BILANCIONI scrive:

    Strano che un Bocconiano come Fassina, di 44 anni (?), se ne esca con una frase che più trita non si può, usando la citazione sul ROTARY come se fosse un’offesa! Magari Monti capeggiasse un Club Rotary, forse otterrebbe di meglio di quanto ottenuto da falsi sostenitori di destra o di sinistra o di centro, di Est Ovest Sud o Nord, visto invece i risultati che ha ottenuto il Rotary nel mondo.
    Monti immagino sappia invece bene, rispetto a Fassina, anche se non lo dà a vedere, cosa e come sia il Rotary.
    Se Fassina vuole nella sua vita fare una cosa seria, prima di tutto si prenda un anno sabbatico, piuttosto che farci rischiare a noi ed al povero Bersani di avere un tale ministro economico, e ne approfitti per approfondire le notizie sul Rotary (basterebbe che leggesse l’articolo di Merella), anzi di più: si dedichi ad aiutare Bondi a vagliare le candidature alle elezioni, controllando chi invece è iscritto alla Massoneria, ma per toglierlo non per aggiungerlo alle liste. Chissà quanti posti si liberano!
    Forse questo dovrebbe farlo anche il Rotary!
    Sarebbe un’azione benemerita, finalmente!

  4. creonte scrive:

    anche i partiti sono “liste rotary” nell’accezione di Fassina :P

  5. Andrea Benetton scrive:

    IL Rotary facendo beneficienza privata fa concorrenza all’assistenza pubblica che Fassina vorrebbe far erogare allo stato in regime di monopolio. Per comprarsi i voti.
    Fassina sa benissimo quel che di ce e quel che fa.

  6. EdoardoBuso scrive:

    rotary,mit,club di roma….tutte lobby decrescitiste e antiliberali

  7. Carlotta scrive:

    come mai sono antiliberali? questa frase buttata lì senza alcun approfondimento mi ha lasciato un po’ di curiosità sull’argomento…

  8. marcello scrive:

    Può essere che parlasse del Rotary che si trova in un comprensorio di lusso a Roma.
    Se Fassina parlava dell’associazione di beneficienza e che sostiene lo sviluppo sostenibile ha fatto male a criticarlo.

Trackbacks/Pingbacks