Siria, Internet bloccato. Per gli attivisti è stato Assad

– Internet bloccato in tutta la Siria: gli attivisti anti regime hanno subito puntato il dito contro Assad, denunciando che si tratta di una mossa  preparatoria a una massiccia operazione di repressione.

Gli stessi attivisti affermano che in alcune aree della capitale siriana sono state interrotte le linee telefoniche.

”Il regime criminale siriano ha tagliato tutte le comunicazioni (reti cellulari, linee fisse e servizio Internet) in molte zone della capitale Damasco e nei suoi sobborghi – spiegano i comitati -. Inoltre, le comunicazioni sono state interrotte in molte zone dei governatorati di Hama, Homs e Daraa e in tutte le aree dei governoratorati di Tartous e Swaida, oltre che in alcune localita’ di Dayr az-Zor e Raqqa”.

“I Comitati di coordinamento – concludono gli attivisti – ritengono il regime responsabile per tutti i massacri che saranno commessi nelle citta’ siriane a partire da questa mossa. Inoltre, chiedono alla comunita’ internazionale di muoversi rapidamente e fare passi concreti per proteggere i civili dai crimini del regime”.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.