Indipendentisti in testa nei sondaggi delle elezioni per il rinnovo del Parlamento della Catalogna: il primo ministro catalano uscente, Artur Mas, leader del partito nazionalista catalano Convergenza e Unione (CiU) attende di essere riconfermato e, se ciò dovesse avvenire, ha già annunciato un referendum per l’indipendenza dalla Spagna.

Gli ultimi sondaggi prevedono che CiU non riuscirà a raggiungere i 68 seggi necessari per ottenere la maggioranza assoluta; tuttavia Mas ha promesso che riunirà comunque tutti i partiti indipendentisti per indire il referendum.

Il Governo spagnolo ha ricordato che solo l’esecutivo nazionale ha la facoltà di indire consultazioni popolari relativi all’indipendenza regionale: se Mas dovesse indire il referendum, perciò, Madrid farà ricorso alla Corte Costituzionale.

In caso di indipendenza, inoltre, la Catalogna uscirebbe automaticamente dall’Unione europea e per rientrare dovrebbe avviare da zero i negoziati, come spiegato dal presidente della Commissione Ue, Josè Barroso.

La questione europea è centrale per la campagna degli indipendentisti catalani: uno dei loro principali slogan e’ infatti “Catalogna, stato d’Europa”.