Classifica Ft, Schauble miglior Ministro finanze Ue, Grilli balza all’8° posto dal 18° di Tremonti

E’ il tedesco Wolfgang Schauble il miglior ministro delle finanze dell’Unione Europea, seguito dal collega svedese Anders Borg e dal polacco Jacek Rostowsky. Ma è il balzo di ben 10 posti, dalla diciottesima all’ottava posizione, dell’italiano Vittorio Grilli la novità più rilevante della classifica stilata dall’autorevole quotidiano Financial Times.

Lo scorso anno, il ministro dell’Economia del Governo Berlusconi, Giulio Tremonti, era penultimo davanti al greco Evangelo Venizelos.

La classifica esamina i ministri finanziari delle 19 maggiori economie del vecchio continente attraverso tre parametri di giudizio: abilità politica, performance economica e credibilità sui mercati.

”L’ Italia è il Paese che è salito di più, riflettendo l’ apprezzamento dei commentatori sul ruolo di Vittorio Grilli nell’evitare che il Paese diventi la prossima vittima della crisi del debito dell’eurozona, anche se è diventato ministro solo in luglio. Collocata al diciottesimo posto lo scorso anno l’Italia ha fatto un balzo di 10 posti”, scrive il Financial Times.

Bene anche l’irlandese Michael Noonan: due anni fa fanalino di coda del ranking, quest’anno l’Irlanda si piazza in quinta posizione.

Male il ministro del Tesoro del Regno Unito, George Osborne, al quindicesimo posto, comunque davanti al francese Pierre Moscovici, sedicesimo.

Ultimo il ministro spagnolo Luis de Guindos, preceduto solo dall’ungherese Gyorgy Matolcsy e dal greco Yannis Stournaras.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

2 Responses to “Classifica Ft, Schauble miglior Ministro finanze Ue, Grilli balza all’8° posto dal 18° di Tremonti”

  1. In base a cosa lei ritiene il FT, quando scrive queste cose, autorevole?
    Come si fa a ritenere bravo un ministro che ha appena presentato una legge finanziaria talmente imbarazzante che se l’è fatta riscrivere da Brunetta? Dico: da Brunetta, che non era ministro dell’economia e che oggi da semplice parlamentare non ha a disposizione le strutture del governo per pianificare un simile compito.
    Come si fa a ritenere bravo un ministro che dice pubblicamente di avere ridotto l’IVA dal 23% al 22%?
    In che modo Grilli avrebbe evitato “che il Paese diventi la prossima vittima della crisi del debito dell’eurozona”? Che cosa ha fatto di concreto da quando è ministro?

  2. Nel 1994 entra nel Ministero del Tesoro come capo della direzione per le privatizzazioni fino a 2000. Dal 2002 torna al ministero come Ragioniere Generale dello Stato, e nel 2005 viene nominato a dirigere il Dipartimento del Tesoro dal Ministro dell’Economia Domenico Siniscalco fino a 29 novembre 2011. Da marzo 2004 a ottobre 2005 ha ricoperto l’incarico di Commissario unico della Fondazione “Istituto Italiano di Tecnologia” per poi diventarne presidente nel periodo successivo finanziato dallo Stato con 100 milioni all’anno secondo quanto stabilito dalla Legge 326 (per attirando il contributo di ricercatori ed esperti da tutto il mondo, oltre a fornire un’importante piattaforma per il rientro dei cosiddetti “cervelli in fuga” italiani emigrati all’estero?).

    — 25 novembre 2011 «Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
    Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana, Vittorio Grilli

    28 novembre 2011 Viceministro del Ministero dell’Economia e delle Finanze 11 luglio 2012 Ministro dell’Economia e delle Finanze

    Mario Draghi e stato Governatore della Banca d’Italia e Grilli e stato trombato da Ignazio Visco, quindi il drago con la BCE ha aiutato lo scudo di spread http://www.repubblica.it/economia/2011/12/01/news/draghi_i_governi_devono_recuperare_credibilit-25887946/?ref=HREA-1

Trackbacks/Pingbacks