Chi ha (ancora) paura dei social network?

di PIERCAMILLO FALASCA – “Il mio timore maggiore è l’imponente invasione dei social network, strumenti tanto potenti quanto pericolosi“. Sono parole che il presidente della Camera Gianfranco Fini ha usato in un’intervista a Gente – Hearst Magazine Italia, in edicola da ieri 15 ottobre.

Il presidente della Camera è praticamente coetaneo di mio padre (nato nel 1951 quest’ultimo, nel 1952 l’inquilino di Montecitorio) e nelle sue parole leggo la stessa diffidenza – molto comprensibile, perché indirizzata a cose estranee alla propria quotidianità – che leggevo nelle riflessioni e nei commenti di mio padre fino a qualche mese fa. Dalla scorsa primavera, da quando cioè ha creato un proprio profilo Facebook che ormai usa regolarmente e con sufficiente dimestichezza, il signor Adolfo Falasca ha colto quel che un social network consente: ridurre gli spazi e le barriere al dialogo, alla condivisione di informazioni, sensazioni, emozioni. Il mio auspicio è che anche il signor Gianfranco Fini inizi a farlo, con lo stesso entusiasmo di mio padre.

I social network sono strumenti pericolosi? Non sono strumenti, caro presidente, sono luoghi della realtà. E come tutti i luoghi del nostro mondo serbano una loro pericolosità intrinseca. Camminare in strada è pericoloso, l’uscita da scuola può essere molto pericolosa per un bambino, persino stare con un proprio genitore, un fratello o un parente può esserlo in alcuni casi. Prestare attenzione ai luoghi che si frequentano e alle persone con cui si interagisce è una preoccupazione immutata nel corso dei secoli, indipendentemente dalle tecnologie adoperate. Cambiano ovviamente le precauzioni da adottare, ma per un genitore accorto può essere più facile proteggere il proprio figlio nei suoi vagabondaggi in rete che in strada. E così per qualsivoglia espressione delle relazioni umane che sorgono e si sviluppano nei luoghi della realtà, fisici o digitali.

Se amassimo la lingua italiana come dovremmo (per fermare il declino, occorrerebbe anche questo), useremmo di più il termine “reti sociali”, la versione italiana di “social network”. Sarebbe un’espressione meno estranea, aiuterebbe il dibattito e la comprensione del fenomeno. Facebook, Twitter, Google+ e tanti altri non ci hanno invaso, li abbiamo scelti noi, li scegliamo quotidianamente, li frequentiamo per molte ore al giorno. Non demonizziamoli, finiremmo per demonizzare le persone che li abitano, decine di milioni di persone.

Caro presidente Fini, i social network rappresentano una grande occasione per la democrazia, perché consentono a milioni di cittadini – in una prospettiva nemmeno troppo lontana, a tutti i cittadini – di essere più informati e più attenti. Riducendo l’intermediazione, avvicinando gli attori politici alle persone comuni, la qualità della politica può aumentare. Sta a noi, a quanti partecipano a vario titolo al dibattito pubblico, favorire il processo.


Autore: Piercamillo Falasca

Vicepresidente di Libertiamo. Nato a Sarno nel 1980, si è laureato in Economia alla Bocconi e ha frequentato il Master in Parlamento e Politiche Pubbliche della Luiss. E' fellow dell’Istituto Bruno Leoni. Ha scritto, con Carlo Lottieri, "Come il federalismo può salvare il Mezzogiorno" (2008, Rubbettino) ed ha curato "Dopo! - Ricette per il dopo crisi" (2009, IBL Libri). Ha scritto anche, nel 2011, "Terroni 2.0", edito sempre da Rubbettino.

4 Responses to “Chi ha (ancora) paura dei social network?”

  1. enzo51 scrive:

    Mettiamola in musica:

    Prima un rullo zigrinato che scorrendo sotto lamelle poste su un piano,riproducevano le note musicali;

    poi l’incisione avvenne su dischi di lacca,sul vinile,sui nastri,sulle famose cassette,sui cd e le pendrive e così a venire.

    Cambiano i supporti ma la musica è sempre la stessa,magari migliore in qualità!

    Quindi,caro Gianfry,a meno che tu non abbia paura dell’allargamento dei metodi democratici,dai un abbraccio all’articolista!

    Se lo merita.

  2. mino tauro scrive:

    Quello che fa paura a Fini credo sia ovvio, la diffusione delle informazioni, il pensiero libero e non massificato…

  3. mariangela scrive:

    Premetto che sono del1971,quindi appartengo alla generazione che bambina, ha visto i computer alla tv, nei telefilm di fantascienza e tra liceo e università ha imparato a usarli,parte integrante della nostra realtà odierna.A mio parere si può comprendere il timore espresso dal presidente Fini se riflettiamo su come le “reti sociali” possano anche essere usate in modo distorto (non mi soffermo sui vari esempi che si potrebbero fare) e sulla difficoltà di molti di saper distinguere,in quella che ormai da “realtà virtuale” si è trasformata per tanti in unica ragione di “Essere”, stimoli e informazioni,con il rischio di essere come è sempre stato altrettanto se non di più manipolati.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] on http://www.libertiamo.it Share this:FacebookTwitterLinkedInLike this:LikeBe the first to like this. This entry was posted […]