Nobel per la Letteratura al ‘realismo allucinatorio’ del cinese Mo Yan

– Il Nobel per la Letteratura 2012 e’ andato allo scrittore cinese Mo Yan.

“Con il suo realismo allucinatorio forgia racconti popolari, di storia e contemporanei” spiega la giuria della Reale Accademia di Scienza Svedese nelle motivazioni del premio.

Mo Yan, pseudonimo letterario che significa ‘Colui che non vuole parlare’, e’ arrivato al successo internazionale con “Sorgo Rosso”, romanzo del 1986 ambientato nella Cina rurale dagli anni ’30 e da cui e’ stato tratto il film del regista Zhang Yimou vincitore dell’Orso d’oro a Berlino nel 1988. Tra gli altri romanzi “Rossa radice cristallina” e “Grande seno fianchi larghi”.

Mo Yan, 57 anni, che proviene da una famiglia poverissima, succede al poeta svedese Tomas Trastroemer. Negli anni ’90 la sua fama era gia’ cresciuta al punto che il giapponese Kenzaburo Oe, Nobel nel 1995, aveva detto che sarebbe stato lui a meritare il premio.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.