Usa-Russia, scontro su utilizzo fondi USAid da parte del partito di Putin

Uno scontro tra il dipartimento di Stato americano e il Partito del presidente Russo Vladimir Putin potrebbe creare una vera e propria crisi diplomatica tra i due Paesi.

Al centro del contendere, l’utilizzo che secondo Washington il partito di Putin avrebbe fatto di fondi dell’Agenzia Usa per lo Sviluppo Internazionale (USAid), che dal primo ottobre dovrà abbandonare qualsiasi attività sul territorio russo per volere di Mosca.

“Mi è stato chiesto se il partito del presidente Putin, Russia Unita, si fosse mai avvalso dei programmi che gli Stati Uniti offrono attraverso il National Democratic Institute e l’International Republican Institute: ci risulta che abbia partecipato ad alcuni dei programmi sia IRI sia NDI nel corso degli anni”, ha spiegato la portavoce del Dipartimento di Stato americano, Victoria Nuland. “IRI e NDI offrono questi programmi a qualsiasi partito in Russia che vuole approfittarne”, ha aggiunto.

Non si è fatta attendere la risposta del partito di Putin: “E’ deplorevole che i funzionari degli Stati Uniti stiano utilizzando informazioni non verificate nelle loro osservazioni ufficiali”, ha detto il senatore Andrei Klimov, che supervisiona la collaborazione di Russia Unita con le organizzazioni internazionali.

Sullo sfondo di questo botta e risposta c’è la chiusura della missione russa di USAid che, per gli oppositori di Putin, è un tentativo di indebolire le Ong russe, in particolare quelle che si sono occupate delle questioni relative alla democrazia e dei diritti umani nel Paese.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.