Rapporto Usa, in Corea del Nord la libertà religiosa non esiste

– In Corea del Nord la libertà religiosa “non esiste”. È quanto scrive il Dipartimento di Stato americano nel Rapporto International Religious Freedom 2011.

Il governo di Pyongyang, prosegue il Dipartimento di Stato Usa, continua “nell’opera di persecuzione dei gruppi religiosi non autorizzati, reprimendo chi si fa promotore di iniziative ritenute inaccettabili dal Governo”.

Washington  cita anche alcuni report di ong, rifugiati e missionari che denunciano arresti, violenze e persecuzioni nei confronti delle minoranze religiose che tuttavia “non è possibile quantificare a causa dell’inaccessibilità del Paese e della conseguente difficoltà a reperire informazioni”.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.