Utili in calo per Ubs che accusa Nasdaq su Ipo Facebook

– Utili in calo del 58% per Ubs che passa dagli 1,02 miliardi del secondo trimestre del 2011 a 425 milioni di franchi  dello stesso periodo del 2012. La banca svizzera ha mosso delle accuse pesanti al Nasdaq e al modo in cui è stata gestita la quotazione di Facebook, che avrebbe comportato una perdita per la banca svizzera di 349 milioni di franchi (circa 290 milioni di euro).

Per questo, Ubs ha annunciato che intraprenderà ”le necessarie misure legali contro il Nasdaq” chiedendo un risarcimento integrale delle perdita.

”A seguito dell’approssimativa gestione da parte del Nasdaq del debutto sul mercato di Facebook, abbiamo registrato una perdita di 349 milioni nella nostra attivita’ US Equities quale risultato del nostro sforzo nel fornire la migliore assistenza ai clienti”, si legge in una nota della banca. Nel mirino in particolare il fatto che gli ordini pre-apertura di Ubs ”sono rimasti non confermati per molte ore dopo che il titolo aveva cominciato a trattare. Quale risultato dell’applicazione dei protocolli di sistema che abbiamo implementato per assicurare che gli  ordini dei nostri clienti venissero evasi, in linea con le linee guida regolamentari e con i nostri standard di esecuzione – prosegue la banca – alcuni ordini sono stati inoltrati più volte prima della ricezione della necessaria conferma da parte del Nasdaq e della possibilità per i nostri sistemi di processarli”.

Il risultato è che “Nasdaq alla fine ha evaso tutti questi ordini, esponendo l’Ubs a molte più azioni di quante ne fossero state ordinate dai clienti”. Dunque, ”i molteplici errori del Nasdaq nel portare a termine i propri obblighi, tra i quali l’apertura delle contrattazioni del titolo Facebook e la mancata interruzione delle negoziazioni nel corso della giornata” hanno determinato la forte perdita per Ubs. ”Prenderemo le necessarie misure legali contro il Nasdaq per l’approssimativa gestione dell’Ipo e le sostanziali mancanze nell’eseguire i propri compiti. Sebbene in tali questioni non vi possa essere certezza riguardo al valore dell’indennizzo ottenibile, chiederemo un risarcimento per l’intero importo della nostra perdita”, conclude Ubs.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.