Sarebbe stato ucciso, secondo quanto riportano alcuni organi d’informazione della Corea del Sud, l’ex capo dell’esercito di Pyongyang, che il leader nordcoreano Kim Jong-Un aveva fatto dimettere alcuni giorni fa.

L’uccisione di Ri Yong-ho sarebbe avvenuta al termine di uno scontro a fuoco durante un blitz dell’esercito per arrestare l’ex comandante delle Forze Armate, ora guidate direttamente da Jong-Un.

Intanto, dopo l’esercito, il giovane leader nordocoreano sarebbe pronto a prendere in mano anche le sorti dell’economia del Paese, attraverso un ufficio speciale del governo che dovrebbe varare una serie di riforme.