Il leader nordcoreano Kim Jong-Un si è auto promosso a ‘maresciallo’ dell’Esercito, spianandosi la strada per una sua designazione a capo assoluto delle forze armate di Pyongyang.

Nei giorni scorsi, Jong-Un aveva deciso di rimuovere dalla carica di Capo di Stato Maggiore Ri Yong-Ho, considerato un fedelissimo del regime ma probabilmente sospettato di organizzare un golpe, sostituendolo con Hyon Yong-Chol.