Categorized | Notizie Liberali

“Roma si muove”: gli otto referendum per la Capitale.

– E’ nato il comitato “Roma Sì Muove” che, attraverso otto referendum cittadini, si propone di offrire alla città di Roma l’opportunità che nel 2013, prima che per il candidato Sindaco, si voti su proposte concrete di soluzione dei problemi quotidiani della città. Dai sistemi della mobilità, al verde, all’uso dello spazio urbano, ai rifiuti, dell’erogazione di servizi, alla tutela delle scelte di vita dei cittadini. Per una Roma davvero Capitale, per la qualità della vita e dell’ambiente.Il Comitato “Roma Sì Muove” è stato promosso da Mario Staderini, segretario di Radicali italiani, Angelo Bonelli, segretario dei Verdi e Umberto Croppi, responsabile cultura di Futuro e libertà, ed è aperto alla partecipazione diretta delle associazioni, comitati e cittadini che ne vorranno far parte. Sono partiti venerdì 6 luglio i banchetti per raccogliere le 50 mila firme necessarie in tre mesi .

Dunque i temi dei quesiti spaziano a 360 gradi: mobilità sostenibile (liberazione della ZTL dal traffico privato, potenziamento del trasporto pubblico e car sharing, trasformazione dei treni pendolari in linee metropolitane, raddoppio delle pedonalizzazioni e delle piste ciclabili); fruibilità del litorale e del mare (libero accesso alle spiagge, ripristino della visibilità del mare, riequilibrio tra spiagge libere e attrezzate); istituzione del registro dei testamenti biologici; parità di opportunità e di accesso ai servizi comunali per le famiglie di fatto, rifiuti, trasparenza e Cda società. Questi i temi dei referendum. I quesiti sottoposti ai cittadini saranno i seguenti:

Meno traffico, meno smog, più mobilità.

“Volete voi che Roma Capitale adotti e realizzi un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile alternativa all’auto attraverso: la progressiva chiusura al traffico privato della ZTL, con il conseguente potenziamento del servizio di car sharing dentro e fuori la ZTL e la definizione di percorsi obbligatori dei pullman turistici per raggiungere i parcheggi di scambio; il rilancio degli investimenti sulle tramvie e la definizione entro il 2013 di un programma di interventi, comprensivo delle misure di attuazione anche convenzionali e di indirizzo, per modernizzare la rete delle ferrovie regionali; la protezione e la preferenziazione delle corsie interessate dalle linee di trasporto pubblico sui grandi assi di scorrimento, collegando le principali fermate nelle aree periferiche tramite un servizio diffuso di “bus di quartiere”; il raddoppio dell’estensione delle aree pedonali e a traffico moderato in tutta la città, realizzando contestualmente una rete di nuove piste ed itinerari ciclabili integrati e sicuri di almeno 400 km entro il 2015, diffondendo stalli di sosta per le biciclette in particolare in prossimità dei mezzi pubblici ?”

Mare libero.

“Volete voi che Roma Capitale adotti le opportune delibere ed effettui tutti gli atti istituzionali necessari, finalizzati a garantire il ripristino della visibilità del mare oggi trasformato in un “ lungomuro “ prevedendo un piano a difesa delle spiagge che garantisca libero accesso anche ai fini della balneazione, ripristino delle visuali e riequilibrio al 50 % tra spiagge libere e spiagge attrezzate in concessione, l’eliminazione di muri e cancelli che impediscono l’accesso al mare e il divieto di edificazione di strutture in cemento sulle spiagge che dovranno esser rimovibili e non permanenti?”

Libertà di scelta nei servizi alla persona.

“Volete voi che Roma capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari a offrire i servizi alla persona secondo un modello che privilegi la libertà di scelta, in particolare attraverso l’erogazione dei servizi all’infanzia (asili nido) nonché i servizi di assistenza a disabili e anziani anche mediante un sistema di buoni erogati direttamente alle famiglie, da spendere in strutture accreditate e soggetti qualificati (cooperative, centri di assistenza e operatori professionali), aumentando del 3% annuo gli utenti coperti dai servizi all’infanzia gestiti direttamente dal Comune e fermo restando, per i servizi di assistenza, il ruolo comunale di indirizzo, programmazione, accreditamento e monitoraggio?”

Istituzione del registro dei testamenti biologici.

“Volete voi che Roma Capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari per istituire un registro dei testamenti biologici che raccolga le dichiarazioni dei cittadini attestanti il compimento da parte degli stessi di disposizioni anticipate di trattamento sanitario e di fine vita?”

Famiglie di fatto.

“Volete voi che Roma Capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari per tutelare e sostenere i nuclei familiari fondati su vincoli affettivi ai sensi dell’art. 4, comma 1, D.P.R. n. 223/1989, , e per garantire alle forme familiari anzidette pari opportunità e pari condizioni di accesso ai servizi forniti ed alle attività promosse da Roma Capitale, superando situazioni di discriminazione?”

Stop consumo di suolo.

“Volete voi che Roma Capitale adotti tutti gli atti ed effettui tutte le azioni necessarie a predisporre e attuare, attraverso la revisione delle previsioni edificatorie del Piano Regolatore Generale e le conseguenti misure di salvaguardia, un piano straordinario finalizzato allo stop del consumo di territorio e al recupero qualitativo ed energetico del patrimonio edilizio e dei tessuti urbani esistenti ?”

Rifiuti zero.

“Volete voi che Roma Capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari ad attuare la strategia Rifiuti Zero, ovvero politiche rivolte: alla riduzione della produzione di rifiuti; al riuso dei beni di consumo recuperabili; all’estensione a tutto il territorio comunale del modello di raccolta differenziata domiciliare “porta a porta”; alla realizzazione di centri dedicati al riciclo dei materiali con linee di lavorazione a freddo; alla realizzazione di impianti per la lavorazione della frazione organica finalizzati sia alla produzione di compost che di biogas; all’avvio di una filiera industriale per la lavorazione della materia prima proveniente dal riciclo; all’introduzione di un sistema tariffario fondato sulla quantità di rifiuti indifferenziati prodotti da ogni singolo utente (tariffa puntuale) ?”

Cda società controllate.

“Volete voi che Roma capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari ad ottenere una riduzione dei i costi dell’apparato amministrativo attraverso l’abolizione dei consigli di amministrazione delle società al 100% di Roma Capitale  e il conferimento delle funzioni a un Amministratore unico? “

Trasparenza.

Volete voi che Roma capitale adotti tutti gli atti e i provvedimenti necessari a realizzare maggiore trasparenza dell’attività amministrativa e partecipazione informata dei cittadini, in particolare attraverso:  l’adozione del bilancio consolidato, comprensivo dei risultati della gestione di ogni ente e società dipendente o controllata; l’obbligo per le amministrazioni di rendere disponibili su internet in formato aperto (Open Data), nei limiti della normativa vigente, tutti i dati in proprio possesso, con priorità alla documentazione relativa alla spesa pubblica e al patrimonio; l’obbligo di pubblicare sul sito istituzionale, salvi i divieti espressi di legge, gli affidamenti a terzi, ivi incluse le società controllate o partecipate, di ogni genere di contratto con l’indicazione dell’oggetto, del suo valore e delle modalità di affidamento nonché, nei casi di affidamento diretto, delle ragioni che lo hanno giustificato?”


Autore: Simona Nazzaro

Nata a Roma nel 1980. Laureata in Scienze della Comunicazione, a La Sapienza, ha curato le campagne politiche e di comunicazione dell’Associazione Luca Coscioni. Collabora con diversi settimanali e quotidiani. La sua grande passione è il basket, e da anni concilia questa con il lavoro: conduce infatti una trasmissione radiofonica di approfondimento sportivo.

One Response to ““Roma si muove”: gli otto referendum per la Capitale.”

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] Libertiamo: Roma si muove”: gli otto referendum per la Capitale. (leggi) […]