Merkel, “nessuno spazio per rinegoziare debito Grecia”

Angela Merkel chiude le porte ad Atene. Dal G20 di Los Cabos, in Messico, la cancelliera tedesca ha spiegato che “le elezioni non possono rimettere in discussione gli impegni che la Grecia ha preso. Noi non possiamo scendere a compromessi sul cammino delle riforme concordato”.

L’effetto-voto greco è svanito quasi subito anche in Borsa: dopo un’apertura euforica, le piazze finanziarie europee hanno girato in rosso chiudendo con forti perdite. Milano ha ceduto il 2,85%, Madrid il 3%, Parigi lo 0,69% e Amsterdam lo 0,19%. Hanno recuperato invece Londra (+0,2%) e Francoforte (+0,3%).

Intanto da una bozza del comunicato finale del G20, emerge che i Paesi europei sarebbero intenzionati a siglare un patto crescita-lavoro e compiere i passi necessari “per salvaguardare la stabilità”.

Notizie positive, invece, dall’agenzia Fitch, che ha fatto sapere che dopo il voto greco “non metterà tutti i debiti sovrani dei Paesi dell’Eurozona in rating watch negativo”.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.