Internet, allarme di Google, i governi chiedono sempre più censura

Aumentano le richieste di censura sul web da parte dei governi: ad affermarlo è il colosso di Internet Google, che parla di un vero e proprio allarme, dato che provengono sempre più da ”democrazie occidentali non tipicamente associate con la censura”.

In uno studio pubblicato dal Wall Street Journal relativo all’ultimo semestre del 2011, Google ha affermato che le richieste relative alla rimozione di contenuti o di informazioni su persone che usavano il motore di ricerca o Youtube sono state oltre mille e non comprendono Paesi come Cina e Iran, dove il blocco dei contenuti arriva direttamente dai governi.

In 461 casi la domanda e’ stata inoltrata da un tribunale e riguarda la cancellazione di 6.989 voci. In 546 casi la richiesta è stata informale su 4.925 elementi. Google ha soddisfatto il 54% delle richieste.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

Comments are closed.