La Francia vota, l’Europa crepa

di SIMONA BONFANTE – La campagna per Marine Le Pen l’ha fatta Sarkozy. Il 20% di voti al Front National sono un plebiscito contro l’Europa. La France forte – è stata la promessa elettorale di Sarkozy – è una Francia che la forza, secondo il Presidente uscente, avrebbe potuto essere tratta per osmosi, indebolendo l’Europa. L’idea del ‘Buy European Act’, ad esempio, può suonar fica alle orecchie di Tremonti, ma alle aziende europee che vivono di mercato, cioè quelle che – uniche – meritano di rimanere nel mercato, questa illuminata prospettiva protezionista qualche problema lo darà.

Le Pen – la vincitrice – un’idea più credibile di come dar forza alla Francia l’aveva: liberarla dalla fonte dei suoi guai. Alla leader del FN, oltretutto, gli argomenti per vincere li hanno dati proprio Merkel e Sarkozy, con la loro ottusa assenza di visione che ha fatto estendere l’infezione al continente intero, pur di lasciare ai greci la responsabilità di curare la ferita che si son cagionati da sé. È quindi l’Europa responsabile dell’impoverimento, della disoccupazione, della paura quella contro cui Le Pen ha chiamato a votare. “È il popolo francese seduto al tavolo delle élite” – ha commentato in tv, dopo il discorso agli elettori.

Anche Hollande ha dato una mano a finire l’Europa, promettendo di ri-cominciarla. Esattamente come in una di quelle forsennate corse lungo i tornanti della storia, contro-mano, che Giulio Tremonti ha sempre amato ingaggiare, anche Hollande ha fatto di queste elezioni un referendum: non su Sarkozy, ma sull’Europa. L’Europa rigorista, che pensa ai conti ma non alla gente, quella che, anzi, prende il denaro della gente per darlo alle banche; l’Europa tedesca, insomma. L’Europa alla quale né il Presidente uscente né lo sfidante socialista – né tanto meno Tremonti – sono in realtà stati in grado di prospettare una realistica – ma neanche un’ambiziosa – alternativa. Tra un’Europa causa di ‘un po’ meno che tutti i mali’ ed un ‘basta Europa’, ovvio che vinca la soluzione Le Pen.

In vantaggio resta Hollande – il 28% circa. Al secondo turno potrà contare sull’11 e passa del comunista Mélenchon e del 2 della ecologista Jolie – che hanno entrambi ufficializzato l’appoggio al candidato socialista. Sarkozy non avrà invece il sostegno del Fn; prenderà qualcosa dei voti del centrista Bayrou, che però ha raccattato meno del 9%. Questo naturalmente sulla carta, perché è difficile che al secondo turno torni alle urne l’80% e passa di elettori che sono andati a votare ieri. Sarkozy vuole giocarsela con i dibattiti televisivi. Ha solo da guadgnare, lui, dal confronto con Hollande. Il quale, se dovesse davvero realizzare anche solo una parte delle sue grottesche promesse elettorali, porterebbe la Francia fuori dal Fiscal Compact – che è un trattato stupido, ma vincolante. E se lo fa la Francia, di svincolarsi dal vincolo, possiamo farlo tutti, e tutti illuderci di essere così capaci di riprenderci l’egemonia sui mercati.

Ma non è così. Quell’egemonia, la politica europea, sarà in grado di riconquistarla solo quando uscirà dalla sindrome di accerchiamento e si deciderà ad affrontare il mondo che c’è e che non sparirà spegnendo la luce e continuando a sognare la lunga strada lastricata di buone intenzioni che ci si è lasciati alle spalle, e quelle immaginifiche opportunità che si è puntualmente saputo mancare.

——————————

Twitter @kuliscioff

 

 

 

 


Autore: Simona Bonfante

Siciliana, giornalista free-lance e blogger, si è fatta le ossa di analista politico nei circoli neolaburisti durante gli anni di Tony Blair. Dopo un periodo in Francia alla scoperta della rupture sarkozienne, rientra in Italia, prima a Milano poi a Roma dove, oltre a scrivere per varie testate online, si occupa di comunicazione politica e lobbying 2.0.

5 Responses to “La Francia vota, l’Europa crepa”

  1. Piccolapatria scrive:

    Che vinca questo o quello saranno comunque cavoli acidi per tutti; sia Bersani sia Tremonti sono favorevoli a topo gigio Hollande…; magra consolazione vedere Sarko, accantonati i risolini da macaco, ghignare amaro nello sforzo ( vano) di restare…
    La pietanza melmosa, tuttavia, esce dalla cucina nociva della Merkel, ottusamente condivisa anche dal benedicente illustre “salvatore” in attuale servizio nostrano, costi quel che costi. Che lungimiranza! Buona giornata, se si può.

  2. fabrizio scrive:

    Io vivo in Francia e, quello che posso azzardare é che se Hiollande vince, questa Francia si suicida. L’attuale livello di “sociale” che esiste in Francia, cosí come l’assistenza sanitaria, noi, in Italia, ce lo sognamo…ma, giá con le riforme di Sarkozy, sará difficile poterlo manteneere agli attuali livelli; se poi vince Hollande – che vuole ritornare alla pensione a 60 anni, mantenere le 35 ore lavorative, ecc…, dubito che esso possa essere ancora a lungo garantito, se non a fronte di un incremento sostanziale della tassazione diretta ed indiretta.

  3. Piccolapatria scrive:

    #Fabrizio# Va da così a peggio…Basta guardare a che prezzo insostenibile NON si salva l’italia (minuscolo di proposito) a casa nostra. Hanno pure detto che ne abbiamo la “colpa” per aver voluto vivere al di sopra dei nostri mezzi ed ora “paghiamo il fio”. Noi poveri cristi naturalmente, non loro che, per dritto o per rovescio, hanno menato le danze beandosi in combriccola, pagati e strapagati.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] politica, populismo di PIERCAMILLO FALASCA – La crisi di governo nei Paesi Bassi, la fotografia elettorale del primo turno delle presidenziali francesi, l’ascesa nei sondaggi di Beppe Grillo in Italia sono incontrovertibili segnali che una quota […]

  2. […] non potrà mai dare quello che ha promesso ai concitoyens, semplicemente perché i soldi che gli servirebbero glieli deve prestare il mercato finanziario, […]