L’Italia sta morendo. Su quale frequenza la trasmettono?

di LUCIO SCUDIERO – Se A vuole esattamente il contrario di ciò che vuole B e C, in generale, vorrebbe ma non può, convocati A, B e C da M, quale tra i seguenti è il risultato tale per cui ciascuno dei partecipanti possa dirsi soddisfatto?

  1. un patto senza oggetto possibile nè determinato, dunque nullo;
  2. un comunicato stampa di M vago e non impegnativo;
  3. la recessione del Pil in peggioramento a -1,2 per cento;
  4. un’asta per l’assegnazione delle frequenze tv digitali che consenta a Z, datore di lavoro di A, la violazione delle regole antitrust europee;
  5. nessuna delle precedenti.

Se avete risposto uno e due avete fatto bene. La tre, voglio sperare, è sbagliata perchè non soddisfa nè A nè B nè C, mentre la quattro non si è ancora verificata e comunque non soddisfarebbe certamente B ma neppure (speriamo, di nuovo) C.

Il patto tra i maggiorenti di maggioranza c’è per la stampa ma non avrà vita lunga, e anzi forse già nel primo pomeriggio di domani potremo dichiararne la morte prematura, dopo che il Cavaliere avrà pranzato col presidente del Consiglio (che bello che le due qualifiche da un po’ non coincidano) da cui cerca rassicurazioni sul destino degli asset di famiglia. Intanto Mediaset ha già iniziato la guerriglia, presentando un ricorso al Tar contro l’annullamento del beauty contest. Difficile digerire quel pranzo, professor Monti.

Ragionare di una crisi economica epocale nella fase in cui morde di più, condizionati dal conflitto d’interessi dell’ex dominus della politica italiano è il prezzo, purtroppo alto, del regime change che stiamo vivendo.

Ci preoccupa molto la situazione economica italiana. Ieri la stampa ha fatto circolare le previsioni economiche del Governo per il 2012, con un Pil in calo ben oltre le previsioni del dicembre scorso. Circostanza su cui concordano, con grandezze ancora maggiori, tanto il Fondo Monetario Internazionale che la Banca d’Italia.

Le ripercussioni del deterioramento del quadro macroeconomico sui conti pubblici italiani saranno inevitabili, e già il pareggio di bilancio è slittato di un anno, dal 2013 al 2014. Non sappiamo se una nuova manovra finanziaria si renderà necessaria di qui alla fine dell’anno. Per ora il Governo lo esclude, forte del miglioramento dello spread che avrebbe fatto risparmiare interessi sul debito e dell’anelasticità del cocktail di tasse deciso a dicembre rispetto all’andamento del Pil. Con buona pace dei “tipi sinistri”, che pure tuttora ne invocano una, si è trattato di imposte larga parte patrimoniali e di accise sul carburante. Il gettito, dunque, sarà stabile, e il disavanzo contenuto.

Ma per quanto ancora? La caduta di Pil e reddito dei contribuenti italiani non consentono previsioni ottimistiche, e forse siamo già oltre la soglia di sopportabilità, con la povertà a strisciare nel Paese al punto che in molti, per non potersi permettere più il carburante, rinunceranno all’auto.

Ciascun veda se è il caso di attardarsi a contrattare con Alfano o Berlusconi delle frequenze tv che vuole Mediaset , e che nessuno degli altri attori politici provochi il PdL a sfiduciare, su questo, il Governo. Ma il Terzo Polo esiste o è una fiction Rai? Nè il mondo, nè l’Italia, nè la linea del tempo finiscono con Monti.

————————————–

Twitter @Antigrazioso


Autore: Lucio Scudiero

Classe 1986, è laureato in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli. Quando non scrive nè edita bozze altrui studia a un master di diritto europeo, in attesa di potersi dedicare alla storia moderna, alla musica e ai classici della letteratura. E' incidentalmente caporedattore di Libertiamo.it.

2 Responses to “L’Italia sta morendo. Su quale frequenza la trasmettono?”

  1. enzo51 scrive:

    Ahi!ahi! Signora Longari!
    Lei mi cade sulla buccia di banana! Esclamazione del grande Mike riferendosi ad una brava concorrente di uno dei tanti e fortunati giochi a quiz della tv di Stato.

    Vuoi vedere che questo tuo quiz a risposte multiple potrebbe segnare la fine di Monti e l’esclusione dal palinsesto politico della finction Terzo polo?

  2. Piccolapatria scrive:

    Il gran commis dice: “vi ho salvati dal default”…E’forse un film horror dove si scoperchiano le tombe e si alzano i morti?

Trackbacks/Pingbacks