Frequenze Tv, Mediaset presenta ricorso contro lo stop al beauty contest

Mediaset ha annunciato di aver presentato ricorso al Tar del Lazio contro la sospensione del ‘beauty contest’ per l’assegnazione delle frequenze tv, contenuto in un emendamento al dl fiscale approvato ieri dalla Commissione Finanze della Camera e che dà il via libera all’asta pubblica.

Il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, ha affermato che “il beauty contest gratuito e’ la formula utilizzata in gran parte degli altri paesi europei. Era una procedura legale e condivisa dall’Europa”. Il numero uno di Cologno Monzese ha anche spiegato di “non poter ancora dire” se Mediaset parteciperà alla gara: “Vedremo il disciplinare dell’asta che farà l’Agcom”, ha detto Confalonieri.


Autore: Luigi Quercetti

Nato nel 1980, abruzzese, giornalista, papà, laureato a sua insaputa. È stato redattore dell’agenzia di Stampa Asca e collaboratore de Il Messaggero e Italpress.

One Response to “Frequenze Tv, Mediaset presenta ricorso contro lo stop al beauty contest”

  1. marcello scrive:

    Il governo non si è accorto che è stata approvata una legge che diminuisce il numero dei componenti dell’Agcom e che rischiano di essere tutti di nomina del Pdl. Alla fine c’è sempre il timore reverenziale contro Berlusconi, che rischia di tornare in questo modo a fare dei danni.

Trackbacks/Pingbacks