Washington: Vaticano vulnerabile a riciclaggio di denaro

– Gli Stati Uniti d’America hanno inserito per la prima volta il Vaticano nella lista degli Stati considerati “vulnerabili” al riciclaggio di denaro, causa le grandi somme di denaro che affluiscono nei suoi istituti di credito da tutto il mondo.

Nell’annuale rapporto del Dipartimento di Stato sulla strategia di controllo internazionale sulla droga, la Città del Vaticano rientra nel novero dei 68 Stati della categoria “giurisdizione preoccupante” (jurisdictions of concern) rispetto al rischio di riciclaggio, in compagnia di paesi come Albania, Egitto, Corea del Sud, Malaysia, Vietnam e Yemen. Considerati ancora meno più rischiose realtà come Afghanistan, Brasile, Cina, Russia e Iraq, insieme a paesi di primo piano come gli stessi Stati Uniti, il Regno Unito e il Giappone, inseriti nella lista delle 66 “giurisdizioni fortemente preoccupanti” (jurisdictions of primary concern).

Fonti del Dipartimento di Stato hanno evidenziato come il Vaticano abbia approvato per la prima volta nel 2011 una serie di misure per contrastare il riciclaggio, ma che ci vorrà almeno un anno per valutarne l’efficacia.


Autore: Riccardo Lo Monaco

Ha studiato giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Cagliari. Liberale e libertario, attivo nel campo della tutela ambientale, della libertà religiosa e dei diritti civili. E' tra i promotori di ZeroPositivo.

Comments are closed.