Pareggio bilancio: Della Vedova, Bene ma serve anzitutto cultura del rigore

Sì all’inserimento del pareggio di bilancio in Costituzione“. Sono le parole del presidente di Libertiamo e capogruppo di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova, nel corso della discussione sulla riforma costituzionale all’esame del Parlamento in cui ha annunciato il voto favorevole del gruppo parlamentare futurista. “Il messaggio che noi dobbiamo dare non è che il pareggio di bilancio sia l’affermazione della politica della carestia ma la precondizione in Italia e in Europa per una politica efficace per il rilancio della crescita economica“.

Avremmo potuto scegliere – ha affermato ancora Della Vedova – una formula più severa di quella dell’equilibrio tra entrate e spese, o prevedere una maggioranza dei due terzi delle Camere per il ricorso all’indebitamento, ma ciò che conta è come in futuro interpreteremo il vincolo costituzionale: per legare le mani alla spesa serve anzitutto una cultura del rigore“.

Ha concluso l’esponente del Terzo Polo: “Stop alla logica incrementale nella costruzione del bilancio pubblico e istituzione di un organismo indipendente per la valutazione degli andamenti di finanza pubblica e l’osservanza delle regole di budget: questa dovrà essere la cassetta degli attrezzi per l’attuazione del nuovo principio costituzionale”.


Comments are closed.