Frequenze tv, l’asta non basta

– La Redazione di Libertiamo.it segnala questo interessante articolo di Alessandro Penati, pubblicato su la Repubblica oggi, in cui l’autore suggerisce al Governo Monti e al ministro Passera un percorso di riforma organica del settore radiotelevisivo, contestuale alla messa all’asta delle frequenze della tv digitale.

Dall’abolizione del tetto pubblicitario per la Rai, alla sua privatizzazione, passando per costituzione di un carrier pure attraverso lo scorporo della rete Ray Way   e la sua collocazione sul mercato fino all’introduzione di severi limiti antitrust all’uso di un certo numero di frequenze da parte di un solo gruppo editoriale. Un’ agenda liberista capace di massimizzare gli introiti per lo Stato.

L’articolo, di Alessandro Penati, dal titolo “Frequenze tv, l’asta non basta”, lo trovate qui.

Buona lettura.


Autore: Simona Nazzaro

Nata a Roma nel 1980. Laureata in Scienze della Comunicazione, a La Sapienza, ha curato le campagne politiche e di comunicazione dell’Associazione Luca Coscioni. Collabora con diversi settimanali e quotidiani. La sua grande passione è il basket, e da anni concilia questa con il lavoro: conduce infatti una trasmissione radiofonica di approfondimento sportivo.

Comments are closed.