A Scilipoti il gran finale della farsa: ‘Monti garantisce mercenari’

L’ultimo atto dell’ultima seduta della Camera dei Deputati per il Governo Berlusconi, l’esame del ddl stabilità, è stato rappresentato da un’invettiva di Domenico Scilipoti.

Il giorno 14 di dicembre ho fatto una scelta e di quella scelta non mi pento“, ha assicurato il deputato di Popolo e territorio, “è stata sventata un’operazione che cercava di portare a Palazzo Chigi un personaggio importante che aveva rapinato gli italiani con i derivati“.
   
Oggi si sta facendo un colpo di Stato perché questo è l’ultimo parlamento eletto dai cittadini italiani“, ha gridato il leader del Movimento di Responsabilità Nazionale. “Da domani saremo commissariati da un personaggio che appartiene alla lobby delle banche ed è stato indicato non certo per salvare l’Italia, ma per garantire un gruppo di mercenari e di delinquenti“.

A quel punto Scilipoti si è dovuto però fermare; il presidente della Camera gli ha tolto la parola nonostante le sue proteste. “Onorevole Scilipoti, ha terminato il tempo a sua disposizione“, ha chiarito Fini. Cala il sipario.


Autore: Riccardo Lo Monaco

Ha studiato giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Cagliari. Liberale e libertario, attivo nel campo della tutela ambientale, della libertà religiosa e dei diritti civili. E' tra i promotori di ZeroPositivo.

2 Responses to “A Scilipoti il gran finale della farsa: ‘Monti garantisce mercenari’”

  1. enzo51 scrive:

    Ma questo è proprio scemo!!

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] leggo : . “Da domani saremo commissariati da un personaggio che appartiene alla lobby delle banche ed è sta…. […]