Sviluppo, Raisi: Sulla chiusura e riapertura dell’ICE Berlusconi fa il solito gioco delle tre carte

– Dichiarazione di Enzo Raisi, deputato e capogruppo di Fli nella Commissione attività produttive della Camera

La logica dei tagli del governo è – come noto – ispirata non al rigore, ma all’arbitrio. Così è avvenuto anche per l’Istituto delCommercio estero, che è stato chiuso a luglio, per essere riaperto a novembre, sotto forma di Agenzia, come ha annunciato ieri Berlusconi, per placare le proteste delle imprese inferocite dall’approssimazione del governo. Niente di nuovo, il solito gioco delle tre carte.

Il risultato sarà comunque deludente. L’Italia,che per incentivare il commercio estero e il processo di internazionalizzazione delle imprese, già spendeva molto meno dei suoi competitori europei – un terzo della Francia, la metà della Spagna – ora spenderà pure molto peggio, buttando milioni di euro in un carrozzone politico inventato dall’oggi al domani e chiamato a sostituire un Istituto chiuso per decreto dopo quasi un secolo di storia.

Ci compiaciamo che in questo quadro l’ex presidente dell’ICE, l’ambasciatore Umberto Vattani, sia stato ieri chiamato dal Presidente Lombardo a guidare Sviluppo Italia Sicilia. Chissà che non riesca a salvare in Sicilia almeno parte della credibilità che il governo sta perdendo agli occhi delle imprese italiane e degli investitori internazionali.


One Response to “Sviluppo, Raisi: Sulla chiusura e riapertura dell’ICE Berlusconi fa il solito gioco delle tre carte”

  1. Giordano Masini scrive:

    Tutto è possibile, anche che qualche imprenditore si sia davvero inferocito alla notizia della soppressione dell’ICE.

    Per quanto riguarda la mia esperienza, l’ICE non è (era?) altro che un ente inutile, elefantiaco, assolutamente incapace di fornire anche servizi minimi alle imprese che cercano sbocchi commerciali all’estero. E gli imprenditori che conosco io, e che hanno avuto modo di avere a che fare con l’ICE, hanno salutato la notizia della sua soppressione con sollievo. Un caso per tutti: http://www.poggioargentiera.com/2010/05/tremonti-vuol-sopprimere-lice-evviva/

    Quanto all’ente che sostituisce l’ICE, e che viene chiamato anche nei comunicati ufficiali, con sprezzo del ridicolo, EX ICE, è senz’altro un carrozzone inutile e costoso. Ne più ne meno di quanto non fosse inutile e costoso l’ICE.

Trackbacks/Pingbacks