Ponte Stretto: Raisi (Fli), Commissione UE sanziona assenza strategia Governo

– Dichiarazione di Enzo Raisi, capogruppo di FLI in Commissione Attività Produttive alla Camera

“L’ultima cosa che serve oggi all’Italia è riprendere il dibattito “ponte sì, ponte no”. La Commissione Europea non si è schierata contro la costruzione del Ponte sullo Stretto, come proverà ora a raccontare la propaganda del PdL, ma ha di fatto sanzionato il governo italiano per la sua incapacità di offrire un piano infrastrutturale chiaro, credibile e coerente con le esigenze dell’intero Continente.L’Italia corre seriamente il rischio di dover rinunciare a miliardi di euro di co-finanziamenti europei per le grandi opere, perché non è in grado di affiancare ai fondi comunitari una quota di pari importo di risorse nazionali, come prevedono le regole europee. E questo accade perché ormai da anni, per esigenze di bilancio, si preferisce distogliere fondi destinati alle spese in conto capitale, anziché assumere decisioni rigorose e drastiche rispetto alla spesa corrente.

Se l’Europa premia la Spagna, assegnandole anche fondi originariamente destinati all’Italia, la colpa è dell’incapacità di chi governa il nostro paese”.


One Response to “Ponte Stretto: Raisi (Fli), Commissione UE sanziona assenza strategia Governo”

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] Altero Matteoli, il quale – era il 16 ottobre – accoglieva la decisione della Ue di cassare la ‘priorità delle priorità’ infrastrutturali italiane dalle opere beneficiare di finanziamenti europei, come fosse un imprevisto del tutto marginale. Il […]