Categorized | Comunicati, Partiti e Stato

Della Vedova, da capigruppo PdL solita faziosità contro Fini

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, capogruppo di FLI alla Camera

“I capigruppo Pdl alla Camera e al Senato, quelli che se il Presidente del Consiglio (la quarta carica istituzionale della Repubblica Italiana) attacca le ‘opposizioni criminali’ come causa del fallimento della propria maggioranza non fanno un plissé, quelli che se il Presidente del Consiglio parla di ‘brigatismo giudiziario’ più o meno applaudono, quelli che se Berlusconi vuole chiamare il loro partito ‘Forza Gnocca’ dicono che è una battuta (lo penso anch’io, ma infelice e tale da screditare ulteriormente il governo italiano nel mondo), quelli che votare nel Parlamento della Repubblica leggi ad personam a favore del Premier è un dovere democratico…..Costoro, giustamente a mio avviso, considerano che ‘delle prime quattro cariche istituzionali è solo al Presidente della Repubblica che si chiede un’assoluta neutralità politica’ secondo le parole del costituzionalista Achille Chiappetti.

Ripeto: per quel che mi riguarda sono completamente d’accordo sul fatto che alla seconda, alla terza ed alla quarta carica dello Stato sia richiesta imparzialità nelle funzioni che competono loro, ma non la neutralità politica. Ciò che invece è fazioso, doppiopesista, strumentale e giustificato solo dal livore politico, è il tono utilizzato oggi da Cicchitto e Gasparri contro il presidente della Camera, Gianfranco Fini, reo di aver tenuto un discorso politico in una manifestazione politica con i toni di una manifestazione politica. Capisco – sottolinea – che la campagna elettorale sia iniziata, ma continuo a confidare che il Pdl voglia misurarsi sul terreno della politica evitando di strumentalizzare le Istituzioni”


One Response to “Della Vedova, da capigruppo PdL solita faziosità contro Fini”

  1. lodovico scrive:

    imparzialità nelle funzioni ma non neutralità politica ? una opportuna distinzione tra comportamenti etici, morali…..etc. Ma il FLI non era per la normalità e per una destra europea.

Trackbacks/Pingbacks