Manovra. Libertiamo, No a riscatto laurea penalizza giovani e merito

Sarà che Lega e PDL ritengono di avere un consenso ridotto tra laureati e studenti universitari, tanto da poterli includere nelle categorie da colpire. Ma tant’è: per salvaguardare i diritti acquisiti di chi ancora gode dei vantaggi del sistema pensionistico retributivo, il governo Berlusconi ha appena deciso che il riscatto degli anni di studio, che i laureati si pagano da sè e anche lautamente, sarà ancora meno conveniente.

Lo scomputo dall’età pensionabile degli anni universitari riscattati è un’autentica penalizzazione del merito. Di fatto, ció rappresenta l’aumento dell’età pensionabile per i soli laureati, a parità di condizioni e privilegi altrui. Insomma, un disincentivo allo studio e al conseguimento della laurea stessa, una scelta masochista, per un paese che avrebbe invece straordinariamente bisogno di accrescere il suo ‘stock’ di capitale umano e di ridurre, non allargare, il solco esistente tra gli anziani che godono delle tutele sociali e i giovani che non ne hanno alcuna.


Autore: Piercamillo Falasca e Lucio Scudiero

Piercamillo Falasca: Nato a Sarno nel 1980, laureato in Economia alla Bocconi, è fellow dell’Istituto Bruno Leoni, per il quale si occupa di fisco, politiche di apertura del mercato e di Mezzogiorno. È stato tra gli ideatori di Epistemes.org. E’ vicepresidente dell’associazione Libertiamo. Ha scritto, con Carlo Lottieri, "Come il federalismo può salvare il Mezzogiorno" (2008, Rubbettino) ed ha curato "Dopo! - Ricette per il dopo crisi" (2009, IBL Libri). ---------------------------------------------------------------------Lucio Scudiero: Classe 1986, è laureato in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli. Quando non scrive nè edita bozze altrui studia l'intersezione tra economia e diritto, in attesa di potersi dedicare alla storia moderna, alla musica e ai classici della letteratura.

2 Responses to “Manovra. Libertiamo, No a riscatto laurea penalizza giovani e merito”

  1. Simona Bonfante scrive:

    ma dai è ovvio: è il riscatto del finto-laureato Bossi contro i laureati veri :)

  2. Giorgio Gragnaniello scrive:

    Consiglio agli Autori : poiché-come peraltro auspicato da questo Blog-l’età pensionabile sarà in futuro sicuramente portata almeno a 67 anni (se non oltre )-consiglerei loro di non riscattare la laurea ; a loro non converrà.

Trackbacks/Pingbacks