Categorized | Comunicati

La retromarcia del PD sulle liberalizzazioni fa male al Paese

– Dichiarazione di Enzo Raisi, deputato di Futuro e Libertà per l’Italia

Anziché partecipare alle barricate referendarie in nome di una opposizione ideologica ad una inesistente privatizzazione dell’acqua, il PD dovrebbe spiegare ai suoi elettori come mai alcuni dei suoi principali economisti di riferimento (come Tito Boeri, Franco Bassanini e Luigi Spaventa) abbiano dichiaratamente preso posizione per il No ai quesiti sull’acqua.

Bersani rifletta: se il PD abbandona il campo delle liberalizzazioni, delle riforme e di un approccio pragmatico ai grandi dossier economici, appiattendosi sulle posizioni della sinistra massimalista, l’intero sistema politico italiano peggiora, la dialettica si fa più simile a quella preferita da Grillo e dalla Lega Nord che a quella di un avanzato paese occidentale.


One Response to “La retromarcia del PD sulle liberalizzazioni fa male al Paese”

  1. Eppure,io sono convinto che, chi vuole privatizzare, chi vuole liberalizzare (salvo giustificati e impellenti motivi), non è all’ altezza della situazione e deve passare la mano a chi lo è…. è una parola! Allora si deve privatizzare e liberalizzare. Chiedo scusa per essermi sbagliato.

Trackbacks/Pingbacks