Categorized | Partiti e Stato

E’ talmente brutto questo logo che già lo riconoscono tutti

Va bene, sembra il logo dei formaggini. E richiama uno degli sfondi standard di Windows. E i colori sono un po’ da checche. E un bambino di 4 anni lo disegna meglio. E c’è scritto Fini, come altrove c’è Berlusconi, Casini, Di Pietro, Vendola. E alle elezioni del 2008 c’era scritto pure Veltroni. E il verde del bordino tricolore è diverso dal verde su cui campeggia la scritta Futuro e Libertà. E quando l’abbiamo visto un mesetto fa abbiamo pensato: speriamo che ne scelgano un altro. E non c’è nulla di peggio di quello sfasamento tra l’emisfero superiore e quello inferiore, tipo la zigrinatura orrida delle maglie della Juve di quest’anno. E la scritta Fini continua ad evocare i tortellini, anche dopo la kippah e tutti questi anni. E il font del carattere fa poco istituzionale. E Forza Italia era un logo con i controcazzi. Ma questa ciofeca di simbolo ha già invaso i giornali, le tv, Internet, Facebook, le chiacchiere della gente. Tanto è brutto che tutti lo conoscono già.


Autore: Piercamillo Falasca

Vicepresidente di Libertiamo. Nato a Sarno nel 1980, si è laureato in Economia alla Bocconi e ha frequentato il Master in Parlamento e Politiche Pubbliche della Luiss. E' fellow dell’Istituto Bruno Leoni. Ha scritto, con Carlo Lottieri, "Come il federalismo può salvare il Mezzogiorno" (2008, Rubbettino) ed ha curato "Dopo! - Ricette per il dopo crisi" (2009, IBL Libri). Ha scritto anche, nel 2011, "Terroni 2.0", edito sempre da Rubbettino.

22 Responses to “E’ talmente brutto questo logo che già lo riconoscono tutti”

  1. Dives scrive:

    Simpatica la critica al simbolo, che come ogni “markettaro” sa bene non deve essere nè bello e nè brutto, ma efficace.
    Ma se ci togliessimo di bocca una volta per tutte la parola “checca” e similari, anche quando scherziamo, forse dimostreremmo di aver abbandonato finalmente i pregiudizi più deleteri e – insieme – il becero linguaggio berlusconiano e leghista.

  2. Complimenti a Redazione (il cui stile e la cui arguzia ricordano tanto quelli di CP) per questo godibilissimo – ed autoironico – post.

  3. Filippo Santore scrive:

    Lo chiedo qui, magari qualcuno lo sa: chi è il legale proprietario di questo simbolo? Se è FLI, chi è il proprietario di FLI?

  4. Pippo scrive:

    Come sarebbe, “brutto” ? Ma ce sarai te !

  5. Piercamillo Falasca scrive:

    E invece questa volta Redazione è PCF, caro Alessio! Rivendico la giggioneria! :-D

  6. Emanuele C. scrive:

    ATTENZIONE! Possiamo ancora rimediare. C’è ancora tempo. Diciamo che può essere un discorso di partenza. Va bene il Verde (la speranza, l’ambiente) ma non troppo luccicoso. Il font si può sempre cambiare, non è una tragedia. Il simbolo di Alleanza Nazionale, o del Msi prima, sapete quante volte è cambiato e non ce ne siamo accorti? Dalla base nera alla base rossa. Anche la falce e martello o la Quercia. Manca però in questo simbolo comunque un richiamo europeo. E il tricolore andrebbe stilizzato con un altro richiamo: vedi le ali o il tricolore di Generazione Italia. Questi sono consigli che qualcuno al comando spero leggerà.

  7. Nicola Ricupito scrive:

    Non è una questione di simbolo, ma come si fa a votare uno che cambia idee così repentinamente su qualsiasi argomento?
    Con fini distingui, mi troverei in una coalizione opppure nell’altra, come se niente fosse.

  8. E’ un logo brutto?
    Tutti ne parlano?
    Si è vero,tutti/e vogliono il Maggioritario secco !
    Si sono rotti le palle dei partiti,la scritta Fini funziona di più di Futuro e Libertà.

  9. ma te sei sicuro che lo riconoscono tutti?
    io non credo proprio

  10. GIOVANNI scrive:

    QUESTO SIMBOLO RAPPRESENTA IL MEGLIO DELLA SEMPLIFICAZIONE GRAFICA.

    UNA IDEA POLITICA NATA DAL SENTIMENTO NAZIONALE (IL CONTORNO TRICOLORE)

    RICREARE UN PAESE (IL COLORE VERDE)

    COSTRUIRE UN CAMPO DELLE IDEE CHE SEMINERA’ I SUOI FRUTTI NEL FUTURO DELLA LIBERTA’ AVENDO COME RIFERIMENTO FINI (CAMPO AZZURRO)

  11. Gulliver Nemo scrive:

    Bravo Piercamillo…c’avrei giurato! ;-)

  12. puzzailsignorvincenzo scrive:

    A me più che i formaggini ricorda molto il Dash. E’ oggettivamente brutto.

  13. Michele Liati scrive:

    Naturalmente nessuno ha notato che quel nome è quello del Presidente della Camera. Giusto?

  14. Filippo Santore scrive:

    Naturalmente nessuno ha notato che quel nome è quello del Presidente della Camera. Giusto?

    PS: davvero, chi è il proprietario di FLI e del suo simbolo?

  15. GIANCARLO scrive:

    Mi associo alla richiesta (curiosità) di Filippo Santore per conoscere chi sia il titolare del simbolo e di FLI. Una volta erano gli iscritti, ma quel nome che campeggia sul simbolo mi crea qualche dubbio.

    Il simbolo non è male, quello che non mi convince, da liberale e liberista convinto, è il partito stesso e, sopratutto, Fini.

    Chi vivrà, vedrà.

    PS: aspettiamo risposta sulle nostre curiosità.

  16. step scrive:

    Se fosse stato il Berlusca a usare la parola “checca” m’immagino le proteste dei pasdaran della dittatura del politicamente corretto…

    A parte gli scherzi, secondo me il simbolo non è brutto, sia come associazione di colori e sia come forma (un cerchio un pò sfasato, diciamo “ballista”). La scritta “Fini” che giganteggia è giusta: dato che trattasi di partito nuovo è bene che la riconoscibilità sia lo scopo precipuo, molti non sanno neanche che esiste FLI, mentre tutti sanno dell’esistenza del Gianfry. Poi, con il tempo, ipotizzo che la dicitura “Fini” andrà diminuendo o scomparendo del tutto. Dovessimo andare a breve ad elezioni è buona cosa richiamare subito l’attenzione con qualcosa di conosciuto.

    L’unica pecca, semmai, è quella dell’assenza di qualcosa di oggettivato, magari in nuce. Ad esempio un piccolo elefantino (mero esempio, ripeto) che poi successivamente potrebbe puranche ingrandirsi. Insomma, un qualcosa di definibile/identificabile, il simbolo vero e proprio, non il logo. Dovessero inserire qualcosa del genere successivamente sarebbe uno sbaglio, è una cosa che andrebbe fatta subito. Comunque il logo in sé non è brutto ma è un pò generico. Ultima cosa: bene che il tricolore non abbia spazio eccessivo, già questo FLI si preannuncia come partito patriottardo… limitiamo almeno i danni, da una prospettiva strettamente libertaria…

  17. Scusa Piercamillo! Faccio ammenda, confesso d’essere stato in dubbio fino all’ultimo momento se “additare” CP o PCF.

    Ad ogni modo, se può essere di qualche consolazione o di buon auspicio, ho sempre pensato che nome, logo ed inno di Forza Italia fossero quanto di più brutto vi fosse nel panorama politico planetario. I risultati in termini di consenso di quel partito hanno confermato che faccio bene ad occuparmi d’altro, nella vita, che non sia il marketing…

    Da questo punto di vista Fli si presenta con delle credenziali niente male!
    Saluti
    Alessio

  18. enzo51 scrive:

    Il famigerato Pier colpisce ancora!

    Sei simpaticamente bizzarro ma molto intelligentemente ironico!

    Speriamo invece che tu creda vivamente in ciò che Fini intenda realmente mettere campo per cercare di cambiare questo Paese!

    La cosa è tosta! Non sara’ certamente il mitico “stellone” a salvaguardarci dalla tempesta che quanto prima si abbatterà anche sul nostro Paese:la verità sul reale stato di salute e economica e sociale.

    Per il resto,auguri vivissimi.

  19. Alfredo Suatoni scrive:

    Cari Amici,
    Egr.On.le Fini,
    sono da sempre, e lo resterò, elettore di quella idea di destra (magari un pò libertaria) che si riconosce ora in Futuro e Libertà, anche quando questo farà parte delle correnti che potrebbero formare il cosiddetto Terzo Polo ‘di Centro’…
    Ma… Devo anche dirVi che penso non sia ancora il momento di ‘rompere’ con il PDL : è vero, la spinta innovatrice della Nuova Destra và indebolendosi ; è vero, se non si sfrutta il momento favorevole (anche per la ‘debolezza’ mediatica di Berlusconi) si rischia poi di calare ulteriormente nei consensi ; ecc. ecc.
    Tutto vero. Ma… Nonostante tutto, credo che i vantaggi, nell’aspettare (nel ragionevolmente possibile) la fine naturale della legislatura, e puntare però nel frattempo a costrure più decisamente e convintamente (e, anche, più scopertamente) un Nuovo Polo alternativo, ebbene questi siano ancora (e forse di gran lunga, più solidi e utili) molto maggiori che non tutte queste opportunità immediate !!
    Sarà solo ‘diluendoci’ nel Terzo Polo, che potremo diffondere e rendere veramente popolare l’idea di destra che da sempre appartiene alla maggioranza del nostro Paese.
    E attenzione, Fini : sonda pure la platea di Perugia ; ma tieni presente che si tratta solo di una parte del popolo di Fli (e tra questa, di quelli più militanti che compiono magari anche un viaggio per essere presenti) ; e Fli deve ancora raccogliere tutto il bacino potenziale di simpatizzanti non di sinistra…
    Insomma, la mia raccomandazione è solo questa : non lasciateVi trascinare ora dall’ onda facile dell’entusiasmo, nonostante l’urlo incitante della folla (questa, di oggi, non mancherà infatti mai in futuro) ; ma costruite ancora, e ancora… E poi, stringendo anche accordi con Casini e Rutelli…
    Vedrete, sarà una vera rivoluzione : ci dovete credere ! non seguite scorciatoie, sennò chi ha paura del futuro (paradossalmente) saremo noi, e non i berlusconiani populisti…!!!
    Mi raccomando, niente appoggio esterno ; ma sostegno fedele (magari turandoci un pò, anche pubblicamente, il naso…) a questa maggioranza : sennò alle elezioni, ci porta Berlusconi. E allora ci toglierà anche dei voti, che altrimenti potrebbero crescere costantemente ancora a lungo nel futuro. Il nostro, Futuro. Quello che vogliamo per tutti.
    Mi raccomando, non deludeteci (a noi intellettuali, che serviamo ancora gli interessi del grande popolo…) !!
    Sempre Vostro,
    Alfredo Suatoni

  20. Michele scrive:

    Bel logo complimenti!
    Racchiude in sè due colori a me cari, l’azzurro del cielo e il verde della terra,con due parole che a tutti fanno tremare FUTURO e LIBERTA’, per un’Italia migliore e protagonista.
    Fini il fautore di tutto questo. Avanti così!

  21. bema scrive:

    Cara Redazione di Libertiamo
    riporto come in articolo,
    E i colori sono un po’ da checche,
    COSA VUOL DIRE?

    Ma voi non siete gli ex radicali, libertari delle nuova FLI ??????
    Ma voi non siete quelli che accolgono a bracci aaperte GAY LIB?

    Allora cosa vuol dire questa frase OMOFOBA ????

  22. Carmelo Palma scrive:

    Questa frase “omofoba” vuol dire che Woody Allen può prendere in giro gli ebrei e il Papa no.

Trackbacks/Pingbacks