Categorized | Comunicati, Partiti e Stato

Paghiamo il canone Rai per vedere La Russa e Ferrero litigare su ‘Bella Ciao’ e ‘Giovinezza’ a Sanremo

– ‘Bella Ciao’ e ‘Giovinezza’ a Sanremo: la lottizzazione della RAI e dei suoi dintorni canterini viene spacciata – da destra e da sinistra – come pluralismo culturale. Tra antifascisti cui non par vero poter urlare ‘No pasaran’ ed esponenti della destra che fu pronti a tirar fuori il moschetto, assistiamo malinconici  al declino di un festival che un tempo esprimeva il meglio della canzone italiana, mentre oggi è un carrozzone di ferri vecchi, meteore artistiche e politici in passerella.

L’ennesima strumentalizzazione politica di Sanremo conferma, una volta di più, che la RAI è allo sbando, preda di opposte bande che farebbero a cazzotti per qualche minuto di trasmissione in più, sui Tg come al festival.

Ci vuole un passo indietro, di tutti. Ogni anno i telespettatori italiani pagano la bellezza di 1,6 miliardi di euro di canone televisivo: pensate che siano contenti che i loro soldi servano alle risse tra La Russa e Ferrero su Giovinezza e Bella Ciao? Prima che sia troppo tardi, privatizziamo la RAI.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

One Response to “Paghiamo il canone Rai per vedere La Russa e Ferrero litigare su ‘Bella Ciao’ e ‘Giovinezza’ a Sanremo”

  1. GIANCARLO scrive:

    E privatizziamola una buona volta. Però siamo sicuri che i partiti, tutti i partiti, rinunceranno ai bei posticini per i loro protetti? Io non credo proprio, ma vedremo.

Trackbacks/Pingbacks