Casa Montecarlo. Chiesta archiviazione

Archiviazione. E’ questa la conclusione a cui sono giunti  il procuratore della Repubblica di Roma, Giovanni Ferrara, e l’aggiunto Pierfilippo Laviani a conclusioni dell’inchiesta sulla cessione di un appartamento a Montecarlo ereditato da Alleanza Nazionale nel 1999 e ceduto nel 2008 per 300 mila euro.

Nel fascicolo erano indagati il leader di Futuro e libertà Gianfranco Fini e il senatore Francesco Pontone, già tesoriere di Alleanza nazionale.  I pubblici ministeri  avevano proceduto alle iscrizioni e  all’acquisizione di atti e documenti presso la sede di Alleanza Nazionale a Roma in via della Scrofa.

Secondo gli inquirenti non c’è stata “nessuna truffa per difetto assoluto di uno degli elementi costitutivi del reato”.

“Sono contento e soddisfatto – ha commentato  con i giornalisti l’ex tesoriere di An  – era un’azione sballata contro il presidente della Camera Fini e contro di me. Si diceva che sarebbe scoppiata come una bolla di sapone e così è stato”.


12 Responses to “Casa Montecarlo. Chiesta archiviazione”

  1. Pier Ugo De Giacobbe scrive:

    La massima ammirazione per la compostezza e la fiducia che l’on. Gianfranco Fini ha dimostrato, in questi mesi,nei confronti della Magistratura.Che dire? Complimenti e grazie per il buon esempio.

  2. vittorio scrive:

    Beh, insomma. Adesso non vorrei riaprire la polemica. Ma mi sembra proprio comico dire che con la vicenda di Montecarlo Fini ha offerto un buon esempio. Personalmente non ho mai pensato e l’ho anche scritto su questo sito che l’esito dell’inchiesta potesse essere diverso. Ma questo non cancella la vicenda pessima della casa passata di mano a un prezzo irrisorio rispetto al valore reale e finita nella disponibilità del cognato di Fini.

  3. GIANCARLO scrive:

    Da quel poco che ho capito, ma potrei sbagliarmi, la faccenda non aveva rilevanza penale, non essendo AN una società ma una associazione. Per cui, sempre se ho capito bene, AN poteva REGALARE l’appartamento di Montecarlo alla finanziaria di St. Lucia e non ci sarebbe stato niente di irregolare.

    Tanto è vero che gli appartenenti all’ex AN potrebbero tentare di rivalersi solo ed esclusivamente in sede civile.

    Dal punto di vista morale e politico le cose sono estremamente diverse.

  4. Baron scrive:

    Sono d’accordissimo con Vittorio che COMUNQUE la storia di Montecarlo e’ orrenda e mi meraviglia molto che la arroganza di Fini sia cosi’ deviante per lui da non farglielo capire da solo. Un Presidente della Camera non puo’ permettersi una gestione cosi’ patetica di una vicenda che ha molto poco di limpido e chiaro, non puo’ fondare un Partito politico, esserne attivo protagonista piu’ che parlante, tener comizi etc.etc. O meglio: e’ una questione di stile…………. e qui di stile ( come Lui stesso predico’ invece un tempo , per esempio, alla Pivetti Presidente ) non se ne vede proprio piu’. A cominciare dal continuo sbattimento di mascella per il cronico chewing gum che si mette in bocca ogni volta che sta in pubblico……….No , no se questi devono essere i nuovi leader del Paese, non ci siamo.

  5. frank scrive:

    Il Sole 24 Ore ci viene in aiuto. La magistratura ha accertato che:

    1) il valore della casa è triplicato da 273mila euro a 819mila euro nel 2008, al di là dello stato fatiscente che però non penso possa riportare da 819mila euro a 300mila euro il valore… facciamo che lo porta a 700mila?

    2) la truffa non c’è soltanto perché un partito è “associazione non riconosciuta” e, dunque, chi ha venduto sottocosto ha “truffato sé stesso” o, al massimo, gli altri rappresentanti del partito (e non quindi i semplici iscritti o il voltagabbana Storace).

    3) se si fosse trattato di una società o di una Fondazione (che è per forza “riconosciuta” dallo Stato), la truffa ci sarebbe quindi stata.

    –> Diciamole tutte, le cose.

  6. bill scrive:

    La questione, sotto il profilo morale e politico, non è affatto chiusa. E la definirei orrenda.

  7. Baron scrive:

    E questi sottili cavilli ,che il 24 Ore ha scoperto, pensate diano la chiarezza al tetro episodio che tutta Italia sta ancora aspettando? Mi spiace ma sono assolutamente d’accordo con Bill.

  8. GIANCARLO scrive:

    Dio mio che delusione la destra italiana. Da una parte Fini, assistenzialista e statalista, dall’altra Berlusconi dedito alle minorenni. Non c’è speranza?

  9. Baron scrive:

    Non sono berlusconiano per nulla, ma se una minorenne sembra ampiamente una super maggiorenne a lei Giancarlo non potrebbe piacere? O dobbiamo fare finta invece che e’ splendido soltanto poterci compiacere,per esempio, che il grande Vendola sia gay dichiarato, solo perche’ da qualche tempo in qua e’ di moda dire che essere gay e’ bello, per esempio ? Chi se ne frega dei gusti sessuali di un politico: non servono questi per governare bene !!!!!!!!!!

  10. Maralai scrive:

    Se non Fini almeno voi non fate i furbi; Fini è ancora in attesa delle decisioni del Gip, per cui è ancora indagato per truffa. Io sono garantista anche con Fini per cui al momento non è colpevole di niente. Ma lui e voi cosa dicevate contro gli indagati? Che dovevano (che dovevano?) dimettersi dagli incarichi pubblici. Fini che fa? Fa il furbo?
    mn

  11. sgrz scrive:

    Una qualche differenza tra Finie Berlusconi su come comportarsi davanti ai giudici la si nota

    Fini assolto per l’appartamento di Montecarlo. Berlusconi: il Lodo è indispensabile

  12. Baron scrive:

    Si ! Voglio proprio vederlo ,un domani, Fini davanti ad eventuali giudici ………….

Trackbacks/Pingbacks