Rai: Della Vedova, dati allarmanti, accelerare sulla privatizzazione

– Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, vicepresidente vicario del gruppo FLI alla Camera:
“Per la Rai aumentano gli ascolti e diminuisce la raccolta pubblicitaria, a vantaggio dei concorrenti: basterebbe questo a certificare il fallimento gestionale dell’azienda. E, stando almeno a quanto riportato oggi dal Corriere della Sera, la situazione sta già precipitando oltre la soglia dell’emergenza: nel 2012 il deficit della Tv di Stato dovrebbe addirittura superare il suo capitale sociale. Tanto più che la soluzione proposta,  la cessione degli asset immobiliari dell’azienda per finanziare le perdite, porterebbe alla distruzione di valore per la Rai, anticamera del fallimento dell’azienda.
Le mosse recenti ai piani alti di Viale Mazzini, in questo contesto, assomigliano sempre più ai balli nelle ultime ore del Titanic.
A meno che non si voglia pensare ad irrealistiche ricapitalizzazioni a spese del contribuente, o magari all’inasprimento del canone, è evidente la necessità di discutere subito della privatizzazione della Rai, come noi di FLI abbiamo proposto la scorsa settimana; subito, prima che si materializzi lo spettro di una nuova Alitalia.

Privatizzare la Rai oggi vuol dire salvarla, evitare che i costi della malagestione e della inevitabile occupazione manu militari della politica vengano pagati dai contribuenti e dagli stessi dipendenti dell’azienda”.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

3 Responses to “Rai: Della Vedova, dati allarmanti, accelerare sulla privatizzazione”

  1. Completamente d’accordo.

    Non capisco, inoltre, come mai nei 10 punti del piano presentato da Masi, non si parli dei costi operativi legati alle spese per la consulenza? Sono forse trascurabili? Qual è il valore strategico, oggi, della consulenza in termini di capacità di generare valore?

  2. GIANCARLO scrive:

    Privatizzare subito. Però la mia paura è che i partiti, TUTTI, faranno chicchiere ma si guarderanno bene di rinunciare a questa gallina dalle uova d’oro.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] di riconciliarci con la nostra dimensione civile. Le cose finanziate dallo Stato – dalla Rai al cinema made in Italy, dalle Università ai quotidiani – funzionano tendenzialmente male. Che […]