Rette più alte per tutti

– Nel Regno Unito l’Università funziona. Decisamente meglio che da noi, eppure non ancora abbastanza. Non è abbastanza attraente per i ragazzi poveri, non abbastanza aperta alla competizione tra atenei. C’è un tetto alle rette – voluto dal Labour – che ne impedisce la piena autonomia, c’è un sistema di prestiti ideato per favorire gli studenti meno abbienti che tuttavia finisce col gravare più pesantemente su quelli che, una volta entrati nel mondo del lavoro, guadagnano di meno.
Il sistema poi è estremamente oneroso per le casse dello Stato. Il governo Cameron-Clegg ha dunque commissionato ad un panel di esperti – manager ed amministratori dei principali atenei nazionali – un’Independent Review of Higher Education Funding and Student Finance, affidandone la presidenza a Lord John Browne, noto per i trascorsi al vertice di BP.
Dice Browne: “La review propone un piano radicale fondato sulla scelta dello studente. Per la prima volta le università saranno pagate non più per il fatto di esistere, ma per essere state scelte dagli studenti.”

L’obiettivo della riforma delineata dalla commissione è fare degli studenti il motore di un mercato aperto dell’alta formazione nel quale realizzare una competizione tra atenei chiaramente incardinata alla qualità dell’offerta.
La soluzione trovata è la liberalizzazione delle rette. Abrogando il cap, gli studenti che vorranno accedere alle Università più prestigiose dovranno pagare la retta fissata dall’ateneo scelto, dunque di più dei 3290 pound da sborsare oggi per entare nei college più cari. La riforma tuttavia prevede un aumento – non una contrazione – dei sussidi per i meno abbienti ed un meccanismo più equo per la restituzione dei crediti.

Con il regime attuale i laureati devono cominciare a restituire il prestito contratto per i loro studi al raggiungimento del reddito annuo di 15.000 sterline. Con la riforma quella soglia verrà portata a 21.000.
“Ci aspettiamo che quel 20% di laureati che si piazza in fondo alla classifica dei compensi post degree, pagherà meno che nel regime attuale – assicura l’ideatore della riforma – mentre solo il 40% dei top earners dovrà restituire allo stato l’intero ammontare del debito”.
Le stime di Browne sono confortate da quelle dell’Institute for Fiscal Studies, il prestigioso think tank che ha definito la Browne Review “più progressista del sistema in vigore”.

Al governo la linea ‘free tuition‘ piace. C’è però un problema: i Libdem ci avevano fatto contro la campagna elettorale. Appoggiare la riforma significherebbe sostanzialmente tradire un impegno con gli elettori. Lo staff liberal-democratico al governo tuttavia pare davvero essersi convinto che in fondo il ‘tetto’ alle rette universitarie non è affatto il miglior modo per garantire qualità e diffusione dell’alta formazione, soprattutto tra i poor background.
Non sarà facile convincere anche la base. Ma l’arretramento sulla liberalizzazione pare ormai scongiurato. La riforma, quindi, è probabile che si farà.

La strada scelta nel Regno Unito per valorizzare l’asset della formazione e della ricerca è quella di premiare il merito, cioè sacrificare i rami secchi del sistema universitario e liberare risorse da investire nelle realtà più feconde. Non solo Oxbridge ma anche i potenziali nuovi operatori – new entrants in un mercato consolidato nel quale tuttavia, se capaci, potranno puntare a competere. Come? Attraendo allievi, docenti, dunque risorse con cui creare e promuovere attività didattiche e ricerca di qualità. Ecco, tutto questo allo Stato permetterà oltretutto di risparmiare un bel po’, soprattutto sulla spesa improduttiva – nella fattispecie quella impiegata per mantenere in vita università e centri di ricerca di scarso o nullo valore accademico.

Una strada analoga potrebbe essere seguita in Italia. La riforma Gelmini avrebbe dovuto essere il primo passo. Un emendamento presentato da Benedetto Della Vedova in Commissione Cultura alla Camera – dove era appunto in discussione la riforma, prima del ‘colpo di scena’ contabile – proponeva, guarda un po’, proprio la liberalizzazione delle rette.
L’emendamento di FLI – scriveva Piercamillo Falasca nel darci notizia dell’iniziativa – è come una goccia di benzina: di per sé non serve a far girare il motore, ma un piccolo incendio nel dibattito lo può provocare.”

In fondo in Uk, i Libdem hanno cambiato idea. Sono diventati favorevoli alla liberalizzazione delle rette perché hanno compreso – numeri ed analisi alla mano – che l’hard discount dell’università non è affatto la migliore soluzione per le distorsioni sociali che nascono ‘a monte’. E che anzi l’unica strada per aggredirle davvero quelle distorsioni è lasciare che il mercato, in un quadro di regole chiaro e trasparente, risolva la cosa da sé.


Autore: Simona Bonfante

Siciliana, giornalista free-lance e blogger, si è fatta le ossa di analista politico nei circoli neolaburisti durante gli anni di Tony Blair. Dopo un periodo in Francia alla scoperta della rupture sarkozienne, rientra in Italia, prima a Milano poi a Roma dove, oltre a scrivere per varie testate online, si occupa di comunicazione politica e lobbying 2.0.

5 Responses to “Rette più alte per tutti”

  1. Mangi scrive:

    A scopi didattici, questo articolo é interessante, in quanto mette in mostra la solita retorica sulla “libertà di scelta” degli studenti, per giustificare una proposta che, anzi, danneggia quasi solo loro. Comunque, su un punto il ragionamento fila: gli studenti brillanti, ma poveri, potranno oggi “scegliere” di non andare a Oxbridge, anche se se lo meriterebbero (si, é vero, aumentano i sussidi ai poveri: ma terranno il passo con l’aumento delle rette, o finirà come in America, che ti offrono una borsa, magari per metà delle tasse, e l’altra metà – che é comunque un sacco – te la paghi tu, anche se la tua famiglia non ha alcun reddito?).
    Per chi avesse dubbi, questo articolo é l’ennesima conferma che “New Labour” equivale a “destra travestita da sinistra”, e che FLI, pur essendo una destra di stile europeo e non più sudamericano, é comunque figlia del neoliberismo Thatcheriano, e NON é un partito con cui il Pd (a meno di non trasformarsi in un partito di destra) possa fare alleanze di natura politica.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] link originale: http://www.libertiamo.it/2010/10/15/rette-piu-alte-per-tutti/ […]

  2. […] pagate non più per il fatto di esistere, ma per essere state scelte dagli studenti”, dice John Browne, che presiede la commissione lib-tories che sta studiando la riforma degli atenei di sua maestà. […]

  3. […] This post was mentioned on Twitter by Juanm, Camelot. Camelot said: Rette più alte per tutti http://ow.ly/2U4gX […]