– Vi proponiamo in allegato, al termine dell’articolo, il testo che Libertiamo ha inviato alla Commissione Europea, un contributo alla consultazione pubblica sulla cosiddetta Net Neutrality (Neutralità della Rete), un principio regolatorio cui la nostra associazione si oppone da tempo.

Nel contributo, distinguiamo tra il principio del libero accesso alla Rete, che va assolutamente tutelato, e la pretesa di alcuni di imporre – dietro un nome così accattivante come “Neutralità della Rete” – una pesante limitazione della libertà delle imprese di telecomunicazione di investire nuove risorse nel mantenimento e nel miglioramento della qualità delle loro reti. In una fase storica in cui c’è molto bisogno di nuovi investimenti nelle “autostrade” di Internet, perchè sempre maggiore è la quantità di contenuti ed applicazioni in transito, con un consumo di banda che cresce vorticosamente, i fautori della Net Neutrality vorrebbe di fatto eliminare l’incentivo economico di tali investimenti, imponendo alle telco il divieto di differenziare i servizi offerti ai propri clienti sulla base delle esigenze e del prezzo che questi sono disposti a pagare.

Provando ad alzare lo sguardo oltre le miserie della quotidiana contesa politica, Libertiamo ha scelto di impegnarsi in una discussione importante (e molto accesa) sul futuro della Rete.