Nel Venezuela di Chavez sta per cadere l’ultimo baluardo della libera informazione

– La fine della televisione libera in Venezuela sembra solo questione di tempo, in quanto il governo socialista di Hugo Chávez sta mettendo le mani anche sull’ultima rete tv indipendente, Globovisión.

Nei fatti, operare direttamente una chiusura dell’emittente sarebbe un atto troppo clamoroso per il governo di Caracas, che comprende l’importanza di continuare a fornire a propri numerosi simpatizzanti e complici intellettuali stranieri le ‘sponde’ necessarie per continuare ad affermare che il Venezuela è un paese democratico.

Di conseguenza il potere politico venezuelano preferisce su una strategia più indiretta, basata sull’acquisizione del controllo azionario di Globovisión. In questo senso il governo ha in pratica requisito il pacchetto azionario in mano ad una banca che possedeva parte dell’emittente ed è inoltre in procinto di acquisire le quote del cofondatore della tv morto nel 2007, in quanto la legge non permette il passaggio ereditario delle concessioni televisive.
In questo modo Chávez controllerà poco meno della metà delle azioni: non a caso, ha già annunciato la nomina di un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione.

Malgrado la dirigenza della televisione sia determinata a mantenere il controllo dell’emittente e l’autonomia editoriale, i rapporti di forza sono evidentemente a favore del presidente venezuelano – al punto che il presidente di Globovisión, Guillermo Zuloaga, è dovuto fuggire da un mese dal paese, perché su di lui grava un mandato di cattura per traffico illegale di automobili. Da sottolineare che lo scorso marzo Zuloaga era stato brevemente arrestato per alcune dichiarazioni contro il governo.

L’attacco a Globovisión è solamente l’ultimo di quelli sferrati da Chávez all’informazione libera venezuelana. Il più clamoroso resta il mancato rinnovo della concessione a trasmettere per la più seguita e più antica tv del paese, Radio Caracas Televisión (RCTV).
RCTV nel giugno del 2007 si trovò revocata la concessione televisiva terrestre, malgrado le imponenti manifestazioni di piazza a suo sostegno, perché considerata ostile al governo.
Dopo alcuni mesi riprese le trasmissioni attraverso il cavo ed il satellite, quindi con un bacino di pubblico ridotto, ma da allora ha continuato a subire le pressioni del governo fino ad un temporaneo oscuramento all’inizio del 2010 per violazioni delle leggi venezuelane sulla composizione del palinsesto che prevedono, tra l’altro, l’obbligo di trasmettere i discorsi di Chávez.

E’ evidente che sa situazione nel paese sia estremamente grave, con gli spazi effettivi di agibilità per le opinioni in dissenso sempre più limitati.
Poco più di un mese fa, tra l’altro, Chávez ha istituito per decreto presidenziale il Centro de Estudio Situacional de la Nación (CESNA), con ampi e discrezionali poteri di divieto della diffusione pubblica di “informazioni, eventi o circostanze” che dovrebbero restare confidenziali.
Come spiega José Miguel Vivanco di Human Rights Watch, tale Centro non è che l’ennesimo strumento a disposizione del presidente Chávez per “bloccare la discussione degli argomenti scomodi per il suo governo, violando clamorosamente i diritti di espressione e la libertà di informazione che sono il cuore della società democratica”.

Purtroppo la posizione internazionale di Chávez è solidamente garantita dal ruolo di produttore di petrolio del Venezuela e dalla rete di rapporti che il suo antiamericanismo gli produce – da un lato relazioni amichevoli con quei paesi i cui interessi geostrategici sono conflittuali con quelli USA, dall’altro il “tifo” di comunisti ed altermondialisti in tutto il mondo, Italia ovviamente compresa.

Postilla italica – A chi si riferiva Pierluigi Bersani quando ha dichiarato: “Non vorrei che dopo Berlusconi arrivasse Chávez”? Probabilmente – azzardiamo – il segretario del PD aveva in mente l’autocandidatura alla guida del centro-sinistra da parte di Nichi Vendola, uno che proviene da quell’area di sinistra radicale nella quale da sempre il presidente del Venezuela riceve benevola attenzione e spesso espliciti consensi


Autore: Marco Faraci

Nato a Pisa, 34 anni, ingegnere elettronico, executive master in business administration. Professionista nel campo delle telecomunicazioni. Saggista ed opinionista liberista, ha collaborato con giornali e riviste e curato libri sul pensiero politico liberale.

5 Responses to “Nel Venezuela di Chavez sta per cadere l’ultimo baluardo della libera informazione”

  1. sandro scrive:

    w chavez

  2. Renzo scrive:

    Ma come ha fatto Chávez ad acquisire circa il 28% delle azioni di Globovisión? Dal momento che l’autore non lo ha ritenuto importante, ve lo dico io.
    Il banchiere di cui parla è il signor Nelson Mezerhane e la banca il Banco Federal.
    Questo signore ha fatto fallire la sua banca e si è rifugiato a Miami. Il governo è intervenuto in protezione delle migliaia di persone che altrimenti avrebbero perduto i loro risparmi. Tra i beni sequestrati a mister Nelson, vale a dire oltre quattrocento appartamenti e ville, svariati yacht e altre piccolezze del genere, furono sequestrate azioni di Globovisión, oltre il 25%.
    Naturalmente la colpa delle malefatte del Nelson è da imputare a Chávez!
    Il tutto, l’autore lo qualifica come un colpo alla libertà di informazione.
    Come lo giudichereste adesso voi?

  3. Roberto scrive:

    A chi osanna Chavez ricordo che era e rimane un dittatore de facto. Suoi i poteri esecutivi, giudiziari e legislativi. Non è possibile criticare il governo, è obbligatorio trasmettere a reti unificate qualsiasi discorso del presidente, notoriamente prolisso. Sono stato in venezuela recentemente e lo sfacelo civile ed economico è lampante. A chi ritiene che faccia bene al suo popolo ricordo che se da una parte spende molto per le fasce più deboli della popolazioni, lo fa con scopi demagogici e populisti, senza alcuna sostenibilità economica a lungo termine. Traduzione: sta creando una forte base popolare totalmente dipendente da lui, incapace di essere autonoma in futuro e quindi a lui soggetta. Di chavez così non ne ha bisogno nessuno

  4. Marco Faraci scrive:

    Due commenti.
    1) Deve essere un caso che in Venezuela gli imprenditori non allineati con il regime tendano così facilmente a finire nei guai e a dover riparare all’estero.
    2) Spero che ci rendiamo conto che non ci troviamo di fronte ad una singola operazione isolata alla quale magari si può cercare di trovare una giustificazione puntuale, bensì ad una palese manovra di scalata ostile ad una televisione privata da parte del governo, attraverso l’acquisizione di ben tre diversi pacchetti azionari in poche settimane – manovra che si inquadra in una più ampia strategia di neutralizzazione dei media indipendenti minuziosamente perseguita da Chavez in questi anni.

  5. Pasquale scrive:

    Roberto, non dire inesattezze. Chavez è stato eletto due volte di fila con elezioni regolari e pluripartitiche, con tanto di organi ONU a controllare che non vi fossero brogli. Invece, coloro che sono anti-democratici in tutta questa faccenda sono i suoi avversari che se non sbaglio cercarono di fare un colpo di stato con i soldi della democrazia USA e lo arrestarono, nonchè fecero fuoco sulla folla con dei cecchini uccidendo una decina di persone. E se non sbaglio scesero in piazza 7 milioni di Venezuelani a salvare Chavez e a ristabilire la democrazia e il suo governo leale.
    E voi siete talmente ottusi da non capire che è scomodo per l’America, e per questo viene calunniato e criticato? L’articolo qui presente è un esempio lampante, il compagno Renzo in una breve spiegazione senza troppi problemi lo ha demolito.
    E’ simpatico poi che su questo sito viene fatta la predica al compagno Chavez quando tra fondazioni e partiti vi è PdL, il cui capo se non sbaglio è proprietario di tre televisioni, diversi giornali ed amico del direttore di Rai Uno, e parecchio influente su Rai Due.
    E’ simpatico il fatto che Marco Faraci, invece, continua a sostenere che il governo comprò tre pacchetti a breve distanza, nonostante Renzo abbia spiegato che era per salvare la società – più che la società, i suoi lavoratori, noi rossi pensiamo più al Lavoro che al profitto.. – e inoltre la storiella dei discorsi radio risparmiatevela, la Costituzione Venezuelana stabilisce che i discorsi del Presidente del Consiglio devono essere trasmessi da tutte le TV, dunque l’azione di Chavez era perfettamente legale.
    Il punto 1) di Faraci è assolutamente ridicolo, gli imprenditori non allineati probabilmente finiscono nei guai perché i guai portano spesso più soldi che la legalità, come dimostra il fallimento finto del padrone della Globovision.. o forse perché il governo Socialista venezuelano ha dichiarato guerra allo sfruttamento e alla proprietà privata dei mezzi di produzione, in mano a qualche ricco imprenditore amico degli Americani (sisi, gli stessi Americani che hanno usato l’uranio impoverito in Afghanistan, Iraq e Serbia).

    Saluti

Trackbacks/Pingbacks