Carceri: Della Vedova, Grazie al Tg2. Approvare subito ddl svuota-carceri, se necessario per decreto

– Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del PdL

Chi ieri sera ha seguito il primo dei servizi che il Tg2 ha scelto meritoriamente di dedicare alle condizioni del sistema carcerario (al centro il caso dell’Ucciardone di Palermo) non può non prendere atto dell’assoluta necessità di approvare in tempi rapidissimi il ddl governativo sulla detenzione domiciliare nell’ultimo anno di pena. Se una rapida approvazione in sede legislativa non sarà possibile in tempi brevissimi, mi pare che l’emergenza renda possibile e dal punto di vista politico doveroso il ricorso alla decretazione d’urgenza, che sarebbe, viste le condizioni di sovraffollamento e di pericolo di molte carceri, ampiamente assistita dai presupposti costituzionali di necessità e urgenza.


10 Responses to “Carceri: Della Vedova, Grazie al Tg2. Approvare subito ddl svuota-carceri, se necessario per decreto”

  1. paride antonio scrive:

    sono una persona che crede nella giustizia e necessitä della pena ma se le ns. carceri sono realmente cosi’ conciati la pena andrebbe fatta fare ai politici .
    unica soluzione e’ un mini indulto di 2 anni o tre ma questa volta segua anche l’amministia inutile fare i processi per dire poi lei e’ colpevole ma libero.

  2. ma depenalizzare alcuni reati, no?

  3. Simona Bonfante scrive:

    depenalizzare depenalizzare. ma intanto svuotare

  4. si ma svuotare e’ a medio-corto termine….depenalizzare e’ a lungo termine

  5. Santo Procopio scrive:

    Ormai la politica la magistratura il comandante dei carabinieri i sindaci i ministri insomma tutti siamo indagati o condannati per qualsiasi cosa dove ti giri c e una condanna forse qualcosa non va? Forse e’ giunto il momento di fare pace ? Forse e’ meglio lavorare per il bene comune? Allora si abbia il coraggio di fare una amnistia e ripartire e se nessuno la vuole fare perché ha paura di perdere voti allora intervenga il solo uomo realmente al di sopra delle parti si parliamo di Lei caro Stimato Amico Presidente …

  6. amedeo canelli scrive:

    la situazione descritta oggi è allarmante ma non è reale ,sono un psicolo che lavora in carcere nel Lazio la situazione è tragica e sopratutto ci ordinano di non parlarne all’esterno e di non fare menzione della reale situazione con nessuno pena la espulsione dalla struttura e la segnalazione all’ordine per violazione di segreto professionale ,quindi per mantenere il mio lavoro non parlo e non dico Vi lascio solo immaginare cosa succede dietro quelle mure .e vi do un aiuto …lasciate ogni speranza voi che entrate…non lo dico io lo diceva Dante.

  7. monica scrive:

    Mi domando a cosa serva infliggere una pena (con tempi lunghissimi)se poi non abbiamo strutture adeguate per farlo…….è come avere un obiettivo e, dopo aver sprecato risorse, accorgersi che è irraggiungibile!! Pensarci prima no è!!………..Solo ora cerchiamo una soluzione? certo meglio tardi che MAI!!!! e poi, parliamo di azione concretamente definitiva o momentanea risoluzione?

    Credo che per risolvere il problema serva una risoluzione urgentissima prima che altri subiscano per mano altrui e poi affrontare alla radice il problema strutturale e organizzativo attualmente Altamente Indegno per tutta la società!!!
    ………..Sempre se parliamo di Diritti Umani……………..

  8. salvina scrive:

    io mi chiedo il perche un detenuto deve essere trattato come un animale dico che devono pagare la sua pena ma non sono animali e le cose necessarie come ad esempio acqua e servizi sanitari devono essere la prima cosa se poi accettano di fare l ultimo anno a casa con i domiciliari meglio x loroavranno una possibilita se la sprecano peggio x loro tanto chi ne soffre a volte sono i familiari e non loro ma per quelli che vogliono cambiare e anno maturato con la brutta esperienza mi fa molto piacere a tutti quelli che vogliono cambiare vita un imbocca al lupoooooooooooooooo da salvina in provincia di siciliaaaaaaaaaaaaa

  9. sara scrive:

    è da maggio che la fanno lunga per approvare questa nuova legge ,quanti morti suicidi e non nelle carceri perchè continuare con questa carneficina?tanto nn sono loro che vengono trattati come le bestie questo lo sò per certo perchè sono moglie di un detenuto da INNOCENTE.

  10. grava gino scrive:

    per risolvere il problema delle carceri serve un decreto di amnistia; entro i 3/4 anni seccessivi al decreto, serve costruire altre strutture carcerarie; emanare con urgenza un decreto legge per chi ha condanne fino ad un anno di reclusione, potrà eseguire la pena ai domiciliari.Espulsione di tutti gli extra comunitari che sono stati condannati con pene superiori ad un anno.

Trackbacks/Pingbacks