Della Vedova: sconfiggere la paura col welfare – VIDEO

– Nella puntata di AnnoZero del 22 aprile scorso Benedetto Della Vedova, presidente di Libertiamo, rimarca le differenze tra PdL e Lega Nord, che pur essendo partiti alleati non possono né devono avere le stesse posizioni su tutti i temi. Della Vedova afferma che un grande partito di governo, quale il PdL, dovrebbe scommettere sulle grandi potenzialità dell’immigrazione piuttosto che cavalcare la paura dello “straniero” ed auspica che -soprattutto nel nord Italia – si esca dalla logica dell’ “appiattimento” sulle posizioni della Lega. “Non siamo la stessa cosa, non dobbiamo sembrare la stessa cosa”, dice il presidente di Libertiamo.

Della Vedova mette poi in guardia contro il “centralismo democratico“, ed apprezza le parole di Gianfranco Fini, in particolare quelle sul welfare: investire una quota minore della spesa sociale in pensioni, a favore di politiche mirate al sostegno al reddito, alle famiglie, alla casa etc. sarebbe un buon modo di sconfiggere la paura rispetto al fenomeno dell’immigrazione.

Di seguito, due momenti della trasmissione.


6 Responses to “Della Vedova: sconfiggere la paura col welfare – VIDEO”

  1. danilo maccarrone scrive:

    Caro Benedetto,

    Sono decisamente contrario alla tua posizione welfarista e credo che queste confliggano in maniera netta con l’impostazione “catallattica” libertaria.
    L’Italia non ha di certo bisogno di più welfare ne di quello corporativo, ma neanche di quello “universalista” radicale. Sono entrambe falsi miti sebbene il primo sia assai più dannoso del secondo. In Italia e non solo c’è bisogno di più mercato ovvero di meno tasse e meno regolamentazioni di stato. Il sistema democratico si sta sgretolando e sta franando su se stesso coperto da debiti e inflazione. La missione primaria di un libertario è senz’altro quella di “governare” il prossimo cataclisma finanziario che incombe e di liberarlo dal monopolio governativo. Altro che welfare!

  2. J1nz0 scrive:

    Concordo con Danilo Maccarrone qui sopra, nel senso che sono stato sempre scettico di fronte a proposte di riqualificazione della spesa, delle tasse, ecc… Tant’è che il concetto di riqualificazione credo sia un must dei socialisti, mentre il nostro dovrebbe essere quello di “taglio”, “riduzione”, “privatizzazione”, “destatalizzazione”, ecc…

    Non credo che spostando la spesa dalle pensioni alla povertà si abbiano grandi benefici… Tra l’altro sono convinto che l’edilizia popolare o gli investimenti sull’immigrazione siano ad esempio temi che creano sacche di parassitismo non indifferenti, quindi perchè mettere a rischio ulteriormente i soldi dei contribuenti?

  3. Roby scrive:

    In Francia si spende moltissimo in welfare , in sostegno alle famiglie, in case popolari e sussidi di disoccupazione a tempo anche indeterminato, abbiamo visto con che bei risultati….

  4. Luca Cesana scrive:

    Fini ha vinto 2 a 0
    Benedetto 5 a 1
    grande Ben!!!

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] : investire una quota minore della spesa sociale in pensioni, a favore di politiche mirate …More Here Cancel […]