“Invictus” di Clint Eastwood: una lezione sulla tolleranza e sul perdono

– I film popolari hanno a volte qualcosa in comune con una lezione scolastica. Una lezione tenuta a una classe con cui si deve faticare a tenere desta l’attenzione; a cui si deve spiegare tutto, senza confidare in tante conoscenze già acquisite; evidenziando con precisione i passaggi fondamentali di un racconto o di un ragionamento; e magari semplificando un po’ problemi complessi.
Clint Eastwood è un regista che ha fatto film originali e a tutti gli effetti d’autore. A volte è invece un maestro del cinema popolare. (Ma a scanso di equivoci: parlo di cinema popolare senza nessun sussiego, con pieno rispetto).
L’ultimo film di Clint Eastwood, “Invictus”, rientra in questa seconda categoria della sua produzione. E infatti ha qualcosa di una lezione. Una lezione su un tema storico: Nelson Mandela, neo-eletto presidente del Sudafrica, alle prese con un problema di politica interna, solo apparentemente marginale, e che, come vedremo, riguarda gli Springbox, la squadra nazionale di rugby del Sudafrica.
Ora, se da un punto di vista storico la lezione sia veritiera, non è argomento su cui debba pronunciarsi il critico cinematografico.
Si può rilevare tuttavia che la lezione di Eastwood ha anche un contenuto più generale: come dovrebbe essere governata una democrazia, in base a quali principi. E, di conseguenza, come dovrebbe essere, come dovrebbe agire un grande leader democratico.
Coerentemente con questa intenzione, il Nelson Mandela del film non è un personaggio realistico, con quei chiaroscuri cioè che ci danno il senso di un personaggio vero; è un leader ideale, tutta virtù, e per questo in piena luce, come certe icone di santi.
E’ un uomo reso saggio dalla sofferenza subita a lungo in carcere; che ama profondamente il suo paese e tutto il suo popolo; e per il bene comune non ha timore di prendere posizioni contrarie a quelle delle persone che più lo amano e dello stesso partito che lo sostiene.
In “Invictus” l’oggetto del contendere è, appunto, la squadra di rugby nazionale. I neri, per la prima volta al governo, vorrebbero scioglierla d’autorità, perché è una squadra composta quasi esclusivamente da bianchi, e per la quale i bianchi hanno sempre tifato. Ai loro occhi, è un simbolo dell’apartheid.
Ma Mandela interviene al congresso del suo partito per scongiurare quella decisione. Non sarebbe una meschina vendetta? Non agirebbero i neri proprio come i bianchi avrebbero supposto? Non fomenterebbero inutilmente l’odio dei bianchi?
E invece: se egli promuovesse quella squadra; ricevesse ufficialmente il capitano, con tutti gli onori; mandasse la squadra in giro per il paese, anche nei più poveri e nei più sperduti villaggi; assistesse alle partite allo stadio; non contribuirebbe a riconciliare un popolo diviso da decenni di politica di discriminazione?
E il film lascia intendere che se alla fine gli Springbox riuscirono a vincere la coppa del mondo (come accadde nel 1995), battendo la temibilissima squadra neozelandese degli All Blacks, fu perché la consapevolezza che tutto il paese, e non più soltanto una fazione, tifava per loro, gli diede lo slancio ideale necessario (“l’ispirazione”, viene detto nel film).
Troppa profusione di virtù avrebbe potuto riuscire stucchevole. E per scongiurare questo rischio, Eastwood è ricorso a varie risorse del suo notevolissimo mestiere. In “Invictus” c’è un certo umorismo (per esempio nel gruppo delle guardie del corpo di Mandela, bianchi e neri, costretti a convivere per decisione del presidente, in più occasioni si punzecchiano a vicenda). E c’è la suspense, che caratterizza tutti i film sulle competizioni sportive, dove la vittoria finale degli eroi si fa attendere spasmodicamente, fino all’ultimo minuto.
Ma lo spettacolo è qui al servizio di una lezione. Una lezione, efficace e toccante, sulle virtù civili della tolleranza e del perdono.

Fonte ic-radio_radicale Radioradicale.it Licenza 2.5 Ita

lig tv

ligtv

maç izle

canlı maç

футбол онлайн

трансляция футбол

смотреть онлайн футбол

смотреть футбол

soccer live

soccer tv

live soccer streaming

stream soccer

online football

watch football

football match

football streaming

live streaming

watch football

live football

football tv

futbol vivo

partido en vivo

juegos futbol

futbol online

futbol gratis

roja directa

jogos de futebol

jogo de futebol

futebol online

assistir tv

atdhe

foot en direct

jeux de foot

jeux football

calcio diretta

calcio streaming

giochi calcio

live ποδόσφαιρο

podosfairo live

αγωνεσ ποδοσφαιρου

video sepak bola

game bola sepak

Siaran Langsung Sepakbola

bola siaran langsung

futbol juegos

partidos en vivo

bóng đá online

xem bóng đá

bóng đá trực tuyến

bóng đá trực tiếp

ฟุตบอล online

ฟุตบอลสด

บอล online

ดู ฟุตบอล สด

ถ่ายทอด สด

online futball

live fussball

fussball live stream

live stream fußball

bundesliga live stream

fußball live

bundesliga fußball

piłka nożna na żywo

piłka nożna online

fotbal live

fotbal online

fotbal živě

fotbal zive

fotbollskanalen

fotball live

fotball på tv

футбол онлайн

футбол трансляція

футбол канал

live voetbal

live voetbal

voetbal kijken

voetbal online

фудбал уживо

fudbal uzivo

live fudbal

futbal online

live futbal

live footy

مباريات كرة القدم

مباشر كرة القدم

بث حي مباشر

مباشر مباريات

כדורגל שידור ישיר

שידור חי כדורגל

بث كرة القدم

football forum


Autore: Gianfranco Cercone

Laureato in Lettere (con specializzazione in materie dello spettacolo) presso l'Università La Sapienza di Roma. È redattore della rivista "Cinema Sessanta" e collabora con la Biblioteca del Cinema "Umberto Barbaro". Cura per Radio Radicale la rubrica di critica "Cinema e cinema".

Comments are closed.