Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del PdL e presidente di Libertiamo:

“La bocciatura della domanda di coltivazione del mais ogm, rivolta dall’imprenditore Silvano Dalla Libera al Ministero dell’Agricoltura, è il frutto di una decisione esclusivamente politica e opportunistica, senza riferimenti tecnico-scientifici: e non sarebbe potuto essere altrimenti, visto che la Commissione Sementi – che ha espresso il parere negativo – è composta da funzionari amministrativi dello stesso Ministero e delle Regioni, ma da nessun esponente della comunità scientifica.

Più che la decisione in sé, preoccupa il rifiuto ideologico ed acritico del ministro Zaia e dei governi regionali ad una discussione di merito sulle singole varietà ogm.

Coltivare ogm non sarà mai un obbligo per nessuno, ma il divieto assoluto per i nostri agricoltori di sperimentare e utilizzare le tecniche agricole più produttive, come vorrebbe Zaia, rischia di penalizzare pesantemente la nostra agricoltura negli anni a venire”.