Categorized | Comunicati

Basilicata, 1.000 stage irregolari negli enti pubblici

Martedì 16 marzo è stata presentata un’interrogazione parlamentare dal senatore Pietro Ichino sul caso dei superstage della Regione Basilicata scoperto dalla Repubblica degli Stagisti.

Il consiglio regionale della Basilicata, infatti, ha avviato un programma di tirocini formativi per 1.000 cittadini inoccupati o disoccupati. Il bando prevede stage di 12 mesi per un totale di 1.430 ore di attività formative, di cui quasi il 90% da svolgersi presso 250 enti locali lucani, con un’indennità di partecipazione per gli aderenti di 770 euro al mese. Per realizzare questo progetto la Regione spenderà oltre 15 milioni di euro, prendendoli dal Fondo per lo sviluppo europeo 2007-2013.

Un’iniziativa apparentemente meritoria e stimabile, se non fosse per alcuni dettagli balzati all’occhio attento di Eleonora Voltolina e del suo giornale online, la Repubblica degli Stagisti: primo fra tutti la durata abnorme e contra legem di questi stage. Dodici mesi sono il limite massimo (proroghe incluse) concesso dal decreto ministeriale 142/1998 per i tirocini e questo termine non vale per la categoria suddetta: disoccupati e inoccupati. Infatti questa categoria di soggetti può partecipare a stage per un tempo dimezzato a non più di sei mesi.

Per non parlare dell’aspetto morale che questa iniziativa può innescare nei partecipanti: il miraggio di essere assunti. Aspettativa  che verrà per forza disattesa considerando che negli enti pubblici si viene assunti solo tramite concorso, salvo provvidenziali (e costosi) interventi ex-post del consiglio regionale. Insomma, una chimera questo bando della Regione Basilicata che a due settimane dalle elezioni regionali, assume contorni ancora più ambigui.


Autore: Simona Nazzaro

Nata a Roma nel 1980. Laureata in Scienze della Comunicazione, a La Sapienza, ha curato le campagne politiche e di comunicazione dell’Associazione Luca Coscioni. Collabora con diversi settimanali e quotidiani. La sua grande passione è il basket, e da anni concilia questa con il lavoro: conduce infatti una trasmissione radiofonica di approfondimento sportivo.

3 Responses to “Basilicata, 1.000 stage irregolari negli enti pubblici”

  1. melandroweb scrive:

    Speriamo si faccia chiarezza

  2. alessia scrive:

    Nella domanda di ammissione ai tirocini perchè si deve indicare il numero del progetto a cui concorrere? Sicuramente per alcuni progetti ci sarà un numero elevato di concorrenti e per altri nemmeno un richiedente.
    Non mi sembra che così si favoriscano i più giovani.

  3. Davide Pianta scrive:

    La chimera di un posto fisso esiste da qualsiasi parte, questi tirocini se fatti senza raccomandazioni sono un’ottima cosa, primo perchè si dà la possibilità di lavorare nella pubblica amministrazione a fianco di gente preparata, secondo perchè si dà la possibilità a disoccupati ed inoccupati di poter partecipare e non a occupati che hanno già il loro lavoro (quindi se va contro una legge questa non è detto che sia una legge giusta) e terzo si spendono dei soldi per i cittadini e non per le imprese che vengono per tre quattro anni assumono gente che usufruisce della lg.407 e poi se ne vanno.

    Saluti Davide

Trackbacks/Pingbacks