Poteva essere una campagna elettorale innovativa, quella tra due esponenti politiche unanimemente considerate di “avanguardia”. E invece – sui grandi temi dell’energia e dell’acqua – quello tra Emma Bonino e Renata Polverini si sta rivelando un gioco al ribasso. Lo diceva Carlo Stagnaro a proposito della vendita di Acea, siamo costretti a ripeterlo in materia di nucleare.

Il no preconcetto di Emma Bonino al nucleare – “La mia posizione e quella della coalizione che mi sostiene è: no al nucleare, è un treno che è già passato” – smentisce in un colpo solo l’idea che la candidata radicale possa spingere il centrosinistra laziale verso posizioni innovative e pragmatiche, meno ideologizzate e più responsabili.

Non meno deludente, tuttavia, è la risposta che Renata Polverini ha dato all’appello lanciato dal ministro Scajola ai candidati governatori del PdL a dire sì al nucleare: “Poiché siamo un paese che va verso il federalismo fiscale – ha dichiarato l’ex leader dell’Ugl – possiamo parlare anche di federalismo energetico“. Come a dire: sì al nucleare in Italia, ma non nel Lazio.

Non conosciamo i dati di cui dispone la Polverini per affermare che il Lazio sia o stia per diventare energeticamente “autosufficiente”. Di certo, se volessimo usare il criterio dell’autosufficienza anche per la finanza pubblica, seguendo il parallelo usato da Renata tra federalismo fiscale e federalismo energetico, la regione Lazio avrebbe non poche difficoltà ad erogare i propri servizi sanitari, paurosamente in deficit.

A differenza della Bonino, la Polverini ha dalla sua una coalizione ed un governo che dell’apertura all’opzione nucleare hanno fatto una scelta strategica. Una scelta di sicurezza, di tutela dell’ambiente e di autonomia politica dell’Italia. Una scelta capace di ridurre la bolletta energetica dei consumatori e delle imprese. Proprio per questo il PdL non può diventare il partito del nucleare PINBY (Please in neighbour’s backyard), del nucleare sì, ma nel cortile del vicino.

Sul nucleare, la Polverini (come, per la verità, altri candidati di centro-destra in giro per l’Italia) sta sbagliando: non usiamo la retorica elettorale per affossare le ragioni di una scelta così importante per il futuro del Paese.