Categorized | Biopolitica, Comunicati

RU486: Della Vedova, Bene critiche Cicchitto, non siano i parlamenti a giudicare la sicurezza dei farmaci

– Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

All’interno del centro-destra alcuni parlamentari ritengono che il legislatore possa “correggere” le verità scientifiche. Non mi pare, peraltro, che rappresentino l’intero centro-destra – come confermano le parole, che condivido, del capo-gruppo alla Camera Cicchitto. Questa idea giacobina della funzione legislativa è pericolosa in sé e nelle sue conseguenze politiche ed ha purtroppo già dei precedenti.

Nella legge sul fine vita il Senato ha deciso a maggioranza che idratazione e alimentazione assistita non sono cure mediche, malgrado la stessa disciplina del ministero della Sanità li definisca trattamenti sanitari sottoposti al consenso del paziente. Ieri, la Commissione Sanità di Palazzo Madama ha deciso che l’RU486 è pericolosa per la salute della donna e incompatibile con la legge 194, malgrado l’organismo tecnico chiamato a queste verifiche abbia detto l’esatto contrario, in linea con le posizioni delle istituzioni di vigilanza sui farmaci di tutti i paesi avanzati dell’Occidente, che hanno concordemente attestato la sicurezza dell’Ru486.


4 Responses to “RU486: Della Vedova, Bene critiche Cicchitto, non siano i parlamenti a giudicare la sicurezza dei farmaci”

  1. Luca Cesana ha detto:

    Ottima notizia, ora direi che il prossimo passo potrebbe essere il creazionismo, visto che purtroppo su Galilei sono fuori tempo massimo…

  2. Silvana Bononcini ha detto:

    E poi si lamentano che i cervelli fuggono all’estero…..

    Mi sà che chi ha un minimo di cervello inorridisce dianzi alle corbellerie che sono uscite dalla commissione sanità del Senato!

  3. Silvana Bononcini ha detto:

    era ” inorridisca “

  4. Caro Benedetto, vecchia battaglia radicale, è questa: che nostalgia dei vecchi tempi, mi fai venire, colle tue parole, grazie!
    Detto questo, e fermo restando che siamo d’accordo, sapresti spiegarmi il vero “perché” di tanto accanimento contro un cosa che è ormai prassi in tutta Europa? Non riesco a capacitarmene, a spiegarmelo…

Trackbacks/Pingbacks