Categorized | Biopolitica, Il mondo e noi

USA: Lezioni transatlantiche per una destra libera

– La vittoria repubblicana del 3 Novembre ha una rilevante eccezione, che suggerisce una lezione valida su entrambe le sponde dell’Atlantico: la destra vince quando è liberale a tutto tondo, non quando si contraddice diventando statalista sul piano etico.

I candidati del  centrodestra hanno vinto in Virginia ed in New Jersey, ma hanno perso il seggio del 23mo collegio di New York. E’ vero che a New York il voto conservatore è stato diviso in due, con la candidata repubblicana ufficiale che, alla fine, si è ritirata appoggiando l’avversario democratico e spostando una componente non trascurabile di voti; l’establishment del partito si era tuttavia schierato dalla parte di Doug Hoffman, repubblicano che correva per il Conservative Party, ed il seggio NY23 è in teoria conservatore per un ampio margine. Virginia e New Jersey, al contrario, erano stati che avevano votato in massa per Barack Obama e dove i repubblicani non vincevano le elezioni statali da anni. La vittoria, insomma, era più probabile proprio dove il centrodestra americano è stato sconfitto.

Come fa notare Roger L. Simon , la differenza va probabilmente al di là delle differenze tattiche e contingenti nel voto. I candidati repubblicani vincitori hanno sottolineato un programma economico volto a ridurre spese e tasse, senza promettere agli elettori interventi sul piano etico. Hoffmann, al contrario, ha sì sottolineato il proprio liberalismo sul piano economico, ma lo ha accoppiato ad un forte interventismo etico, che vorrebbe legiferare su aborto ed omosessuali. Non solo, infatti, ha proiettato l’immagine di un politico disgustato dall’appoggio al piano di stimolo di Obama da parte della candidata ufficiale del GOP, Dede Scozzafava, ma è stato almeno altrettanto critico verso la sua tolleranza per l’idea dei matrimoni gay e per la possibilità di abortire per le donne. Il risultato è stata una sconfitta ampiamente evitabile. Con il suo comportamento, ha rinunciato ad una fetta rilevante dell’elettorato americano: quella fetta di individui (circa un quinto degli elettori) che non vogliono soltanto che lo stato tenga le mani fuori dalle loro tasche, ma anche il naso fuori dalle loro camere da letto.
Sono questi gli elettori che hanno contribuito in maniera determinante, quanto gli evangelici, alle vittorie del Partito Repubblicano negli ultimi trent’anni; sono anche il futuro, demograficamente parlando, del partito. Gli americani si sono insomma dimostrati favorevoli a candidati che promettano di tenere il governo fuori dalle vite dei cittadini sia nella sfera privata che in quella economica.

Non si intende con questo che i candidati socialmente conservatori debbano rinnegare le proprie scelte personali, oppure che queste non debbano essere rilevanti, tutt’altro; il neo-governatore della Virginia Bob McDonnell è un conservatore religioso a livello personale, ma ha vinto proprio perché ha puntato sui temi economici, senza polarizzare l’elettorato con un appello all’interventismo etico. Gli elettori preferiscono decidere direttamente quali siano i comportamenti eticamente accettabili, piuttosto che vederseli dettare tramite la coercizione legislativa. Ridurre la libertà, in ogni ambito, è, in sintesi, una scommessa molto pericolosa per i politici della destra americana: volendo escludere  i “moderati”,  i conservatori duri e puri sono in realtà divisi dal punto di vista etico e l’unico modo per mantenerne l’unità è quello di lasciare le scelte private al di fuori delle aule parlamentari (magari tramite referendum, come accaduto nel Maine).  I fondamentalisti religiosi possono essere una componente estremamente organizzata, ma il loro voto non è più determinante di quello della numerosa e crescente componente libertaria.

In Italia, il PdL mostra da lungo tempo i medesimi sintomi che hanno procurato tanti guai al GOP: una deriva verso una visione corporativa e clericale della destra, schiacciata su di un proibizionismo etico mirante ad imporre per legge valori che andrebbero invece difesi, quotidianamente, da ognuno di noi. Non dobbiamo dare per scontato che una simile supplenza legislativa alla coscienza individuale sia gradita, neppure per gli italiani; si è potuto verificare il contrario in più occasioni. E’ tempo, anche per il PdL, di accettare il principio per cui il governo deve garantire le libertà dei cittadini in ogni ambito, senza volerne dettare minuziosamente i contenuti; probabilmente anche una maggioranza dei cattolici accetta che la persuasione e la pressione sociale funzionino meglio di una falsa virtù imposta per legge. Continuare sulla strada di un partito dedito a crociate moralistiche rischia di rinchiudere il PdL in un ghetto, impedendogli di cogliere il vero motivo della immensa popolarità del messaggio berlusconiano del 1994: una promessa di libertà, dopo due generazioni di Stato Etico.


Autore: John Christian Falkenberg

- John Christian Falkenberg è il tenutario del blog The Mote in God's Eye; collabora con Tocque-ville.it . Il suo alter ego in carne ed ossa è laureato in Economia e fra poco festeggerà dieci anni di sopravvivenza in svariate sale operative, passati a districarsi fra default, titoli tossici e bolle di ogni ordine e grado.

2 Responses to “USA: Lezioni transatlantiche per una destra libera”

  1. Antonluca Cuoco ha detto:

    ottimo pezzo indeed! :)

  2. stranamore ha detto:

    Sono piuttosto d’accordo con l’amico John. I temi religiosi, sessuali, etici e quant’altro sono un campo minato. E’ bene per un partito di centro destra mantenere un certo equilibrio. L’unica cosa che veramente conta sono le tasse. Se un politico riesce a ridurre le tasse, o anche a contenere gli sprechi in modo da non doverle alzare, allora egli risponde alla cosa più importante che gli elettori chiedono. I temi etici vanno affrontati con cautela e non sono indispensabili, checchè se ne dica. Invece sarebbe bello che il centro destra portasse avanti le idee di un liberismo economico che in Italia è stato fin troppo trascurato. E invece cosa accade? Ecco che ti saltano fuori candidati alle regionali come la Polverini nel Lazio. Questa qui è la peggiore espressione della destra sociale e del corporativismo d’origine fascista. Piace a comunisti e alla “destra” di Storace. Cioè in altre parole il peggio del peggio: la completa antitesi del liberismo in economia. Una sindacalista! Una che chiede di tassare il risparmio dei cittadini e fa finta di non vedere gli sprechi che alimentano gli interessi del sindacato. Francamente sono queste le cose che fanno schifo. Non si può candidare chiunque. Che cos’è il PdL una marmellata impazzita in cui il comunismo della cgil va a nozze con la destra sociale di Storace. Ma per favore. E Storace, poi? Storace è stato un esempio di amministratore clientelare, corporativo: la sua disastrosa e deficitaria amministrazione del Lazio ha fatto scuola. Ed eccolo lì non a caso ad appoggiare la Polverini. Porca puttana, le cose che contano sono la buona amministrazione e il liberismo economico. E con la Polverini e Storace le mandiamo a puttane.

Trackbacks/Pingbacks