Intervista di Left a Della Vedova: “Scommetto sui laici”- AUDIO

Intervista a Benedetto Della Vedova, da Left del 16 ottobre 2009

Quarantasette anni, di Sondrio, una figlia, una compagna, bocconiano
con laurea in Discipline economiche e sociali, un passato con i Radicali, un presente alla Camera da liberale dei Pdl. Benedetto Della Vedova è uno che parla di diritti civili, laicità, difesa dei gay, testamento biologico, rifiuta il “dio, patria e famiglia”, ha detto no al family day del 2007 e ha polemizzato con il
suo partito sul caso Englaro. Quindi dice: «Le posizioni di Gianfranco Fini hanno reso la situazione interessante».

Onorevole, che succede in Italia? Siamo di fronte a una specie di guerra civile bianca, senza armi?

Penso che sia in atto uno scontro vero ma non demonizzo gli scontri. Ognuno fa il suo mestiere, le istituzioni, i giornali, il governo. II rispetto per le istituzioni non deve tradursi in ipocrisia e gli spazi per le critiche anche forti esistono. È questione di equilibrio. Tuttavia la politica deve sapere guardare al futuro. Sono un leale sostenitore della maggioranza ma esistono dei dati anagrafici. Insomma ritengo che né la democrazia italiana, né il Pdl nascano e finiscano con Berlusconi.

Quindi c`è un dopo Berlusconi. Si aprirà una guerra di successione. Lei per chi parteggia? Per Fini?

C`è un incontro evidente con il presidente della Camera di cui sono felicissimo. Abbiamo una visione molto comune del Pdl anche dal punto di vista elettorale. Fini è diventato l`interprete più autentico della rottura operata da Berlusconi nel`94, consistita nel portare dentro il centrodestra un’innovazione politica, istituzionale, economica, sociale che prima era monopolio della sinistra.

Questo però è un trucco dialettico: l`avversarlo del premier sarebbe l`interprete e il continuatore dei premier.

Allora diciamo che Fini, con i suoi strappi, ha una visione lunga del Pdl, in continuità con quella rottura.
La domanda è questa: al di là di Berlusconi, su quale società scommettiamo? Fini scommette su un elettorato moderato e liberale. Inseguire la Lega sul terreno “polenta e crocifisso”, significa portarle acqua al suo mulino. D`altronde i Popolari europei sono lontani dal “dio, patria e famiglia”, su cui molti nel Pdl vorrebbero, dietro lo scudo elettorale di Berlusconi, costruire l`ubi consistam. Io scommetto su un Pdl laico.

Dentro il Popolo della libertà si litiga da matti perle candidature alle Regionali, per il controllo dei territorio, il consenso dei cattolici, eccetera. Non sono risse pericolose per l`unità?

Questo partito è nato da nemmeno un anno e le divisioni sono un tema di discussione.  Posizioni come la mia sei mesi fa erano marginali, oggi rappresentano una minoranza. È un passo avanti. Certo, se le cose restassero così sarebbe un guaio.

Segnaliamo su Libertiamo.it le sezioni Multimedia, You Tube, Podcast e la possibilità di scaricare i nostri file da iTunes

Fonte Radioradicale.it Licenza 2.5 Ita


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

3 Responses to “Intervista di Left a Della Vedova: “Scommetto sui laici”- AUDIO”

  1. bagnascus ha detto:

    questa identità di veddute con Fini lascia perplessi anche perchè fini non è certo un campione di liberismo economico ;al massimo può essere uno che scopre la libertà di impresa in maniera strumentale,come D’alema e anche sulla laicità le posizioni finiane puzzano molto di opportunismo.. Diverso e opportuno il progetto di costituire un polo di riferimento per una vera area liberista e laica nel centro destra che abbia come punto di forrza i veri liberali e liberisti e che possa pescare anche in quella area politica che a torto considera il liberismo “di sinistra”.Questa area esiste e ricondurla a al centro destra è compito importante.

  2. DM ha detto:

    Interessante e piacevole intervista. Questa è la direzione di lungo termine del centro-destra italiano.

Trackbacks/Pingbacks