Se questo è un regime… Checco Zalone su Canale 5, libero sputtanamento in libera TV

“Questa della D’Addario è la storia vera, che si trovò a palazzo quella sera…” cantava ieri Checco Zalone, sulle note della “Canzone di Marinella”, durante un seguitissimo one man show trasmesso in seconda serata da Canale 5 (17% di share, 3,3 milioni di spettatori). E non è stata, a quanto pare, l’unica performance ispirata alla liaison dell’anno.

Se questo è il regime, possiamo stare tranquilli. Il Cavaliere furioso non riesce neppure a censurare le sue Tv su cui imperversa liberamente uno showman di grande talento che, per la soddisfazione degli inserzionisti,  fa il pieno di ascolti sbertucciando e sputtanando il premier. Senza grande riguardo e senza alcun understatement.

Checco Zalone è un presidio democratico, che sbugiarda una sinistra parruccona e le sue accuse di “regime”, e dovrebbe forse dare un po’ di coraggio e di irriverenza a quanti nel centro-destra pensano che il modo migliore per sostenere il premier sia indignarsi moralisticamente e gridare alla congiura dei poteri forti.

I commenti in rete della sinistra “militante” sostengono ovviamente che con il Checco Zalone Show Piersilvio Berlusconi ha voluto restituire una verginità democratica al padre o addirittura nascondere, dietro la storia pecoreccia, le più importanti accuse di collusione mafiosa… La mamma dei masochisti è sempre incinta. Speriamo solo che la satira sul tema che transita dai canali Rai non venga, da destra, giudicata più inammissibile di quella che dilaga, liberamente, sui canali Mediaset.

Di seguito, un video tratto dal “Checco Zalone Show”.


10 Responses to “Se questo è un regime… Checco Zalone su Canale 5, libero sputtanamento in libera TV”

  1. Silvana Bononcini ha detto:

    Alla faccia del regime….

  2. grano ha detto:

    In effetti fa un po’ ridere l’utilizzatore finale che fa il diavolo a quattro su Santoro in Rai e poi si lascia sbertucciare alla grande su una delle sue controllate. Mah, sembra un teatrino!

  3. zeta ha detto:

    Hai ragione: non c’è ne regime ne censura. Da liberale quale sei, sai mica dirmi se sono in vigore leggi ad personam come la depenalizzazione del falso in bilancio?

  4. Massimo Preitano ha detto:

    Quando Di Pietro o Travaglio parlano di televisione, di solito, mi vengono i brividi. Un conto, però, è una soluzione non degna di uno stato diritto, un altro è contrabbandare per soluzione il problema stesso. Cos’è: la democrazia deve dire grazie a Mediaset e alla sua lungimiranza?

  5. Carmelo Palma ha detto:

    Su falso in bilancio, leggi ad personam etc etc…io penso grosso modo che l’azione di Berlusconi sulla giustizia sia difendibile in ciò che ha fatto, ma sia sempre meno difendibile in ciò che non ha fatto.

    Sul rapporto Mediaset/democrazia, non penso che occorra ringraziare Mediaset, che non manda in onda Checco Zalone per fare un’azione democratica, ma per fare soldi. Penso che però Checco Zalone che davanti a 3,3 milioni di italiani prende sanguinosamente per il culo il Cav. chiarisca a tutti che tra lui (il Cav., non Checco Zalone) e l’amico Putin passa una ragguardevole differenza.

  6. Massimo Preitano ha detto:

    Del Cavaliere e della legittima aspirazione di Mediaset a fare casa non mi curo molto. Non credo che esista una persona al mondo che abbia mai pensato di confondere Berlusconi con Putin, nel bene e nel male: lui è solo un suo amicone da pacche sulle spalle.

    Ribadisco: il punto è un altro. Su di me questo articolo ha avuto l’effetto opposto di quanto, probabilmente, si proponeva. Non mi sono tranquillizzato, al contrario: per la prima volta il problema mi è apparso in tutta la sua gravità.

    Il punto è che, in questa circostanza, la possibilità di sputtanare il Cavaliere passa per la lungimiranza (o il desiderio di far cassa, non cambia molto) dei di lui figli e dei dirigenti delle sue aziende.

  7. Giovanni ha detto:

    Certo è davvero curioso che un regime venga ogni giorno deriso e sbeffeggiato addirittura vilipeso pubblicamente da quelli che si definiscono vittime. Questi chiagneno e fottono come dicono in scandinavia.

  8. Giovanni ha detto:

    ZETA, anche lei fa parte del popolo del per sentito dire da cui tanto attinge la sinistra ?! No perchè se vuole le riporto pari pari quella legge e poi magari mi dice dove la trova l’abolizione del falso in bilancio.

    Sono stati semplicemente e giustamente inseriti alcuni limiti di punibilità,in pratica al di sotto di una certa soglia il reato viene derubricato a illecito amministrativo e quindi punito con una sanzione amministrativa e l’interdizione dai pubblici uffici per un lungo periodo. Stiamo parlando di piccoli reati contabili che non di rado sono semplicemente errori di contabilità’. Per la vicenda All Iberian a cui probabilmente si riferisce, al contrario di ciò che i media e alcuni magistrati in piena malafede continuavano a ripetere, Silvio Berlusconi fu assolto perché innocente e non perchè il fatto non era più previsto dalla legge come reato altrimenti ci dovrebbero spiegare come mai la Fininvest non fu giudicata neanche colpevole di illecito amministrativo.

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] Se questo è un regime… Checco Zalone su Canale 5, libero sputtanamento in libera TV&nb… – […]