– Gianfranco Fini, intervenendo sabato 26 settembre alla festa del Popolo della Libertà, all’interno del dibattito “L’Italia oltre la crisi: competere e partecipare”, ha preso una posizione molto decisa, proponendo di ridurre a sette o cinque anni il periodo dopo il quale uno straniero che vive in Italia può ottenere la cittadinanza italiana.

Pur ribadendo che nei confronti dei clandestini e degli immigrati che commettono reati serve mantenere una linea dura, Fini ha posto l’accento sulla ricchezza rappresentata dalle persone che lavorano onestamente in Italia, siano esse italiane da generazioni oppure arrivate da poco nel nostro Paese.

Al dibattito, moderato da Gianni Riotta, hanno partecipato anche il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, Alberto Bombassei vicepresidente di Confindustria, Raffaele Bonanni segretario della CISL e il deputato PD Enrico Letta, oltre al ministro della Difesa Ignazio La Russa che ha curato l’introduzione.

Fonte Radioradicale.it Licenza 2.5 Ita